Ultimi post
  • 18 set 2018

    "Il ruolo della bicicletta": una giornata di studio per progettare la mobilità di Catania

    di Mobilita Catania

    In occasione della Settimana Europea della Mobilità 2018, il Dipartimento Ingegneria Civile e Architettura dell’Università di Catania, (Dicar), Legambiente Catania, l’Istituto Nazionale di Urbanistica, sezione Sicilia (INU Sicilia), l’Associazione Nazionale di Ingegneria die Trasporti (ATI), Il Centro Provinciale di Studi Urbanistici di Catania, (CePSU), le associazioni Mobilità Sostenibile Catania e Mobilita.org, la Federazione Italiana Amici Bicicletta, sezione di Catania (Fiab), L’Ordine degli Ingegneri di Catania, la fondazione dell’Ordine degli Ingegneri di Catania l’Ordine degli Architetti di Catania, la Fondazione dell’ Ordine degli Architetti di Catania, con il patrocinio del Comune di Catania e della Città Metropolitana di Catania, hanno promosso la conferenza "Pianificare la multimodalità. Il ruolo della bicicletta"  che si svolgerà a Catania, ex Monastero dei Benedettini, Aula Magna Mazzarino il prossimo 19 settembre. La conferenza tratterà temi relativi al ruolo della mobilità ciclistica nella prospettiva più ampia del rapporto tra ciclabilità e scelte di pianificazione spaziale e di integrazione con il trasporto pubblico locale. La conferenza si svolgerà per l’intera giornata in due sessioni. Al mattino avrà luogo una sessione plenaria e al pomeriggio cinque tavole rotonde parallele che approfondiranno in dettaglio alcuni temi con particolare riferimento alla città metropolitana di Catania. Numerosi i relatori di prestigio internazionale tra i quali segnaliamo Paolo Pileri (docente di Urbanistica del Politecnico di Milano e progettista di VENTO), Giulietta Pagliaccio (Presidente Nazionale FIAB), Paolo La Greca (Docente di Urbanistica dell’Università di Catania, Presidente Nazionale CENSU, Presidente INU Sicilia), Matteo Ignaccolo (Docente di Trasporti dell’Università di Catania e Presidente Nazionale AIT), Giuseppe Inturri (Docente di Trasporti dell’Università di Catania e Mobility Manager UNICT). Saranno inoltre presenti, oltre ad esponenti politici regionali e locali, rappresentanti dei gestori dei servizi di trasporto, del mondo delle professioni, della cittadinanza attiva, dei commercianti. L’indubbia rilevanza dei temi trattati, unitamente al riconosciuto prestigio dei soggetti coinvolti nell’organizzazione dell’evento, ma ancor più dei relatori che hanno già confermato la loro presenza, lascia presagire una giornata di studio e di confronto densa di stimoli, per la quale si auspica ampia partecipazione di pubblico. L’evento è stato accreditato presso gli Ordini Provinciali degli Architetti e degli Ingegneri per il rilascio dei crediti formativi.

    Leggi tutto
  • 18 set 2018

    Metropolitana, aggiudicati i lavori per le nuove scale mobili nelle stazioni Italia e Borgo

    di Andrea Tartaglia

    Le stazioni Italia e Borgo della metropolitana di Catania sono le più trafficate tra quelle operative dal 1999: Borgo, Giuffrida, Italia e Galatea. Non a caso, tutte e quattro, che presentavano evidenti segni di usura del tempo, sono da diverse settimane oggetto di lavori di restyling ormai in dirittura di arrivo, che stanno contemplando la sostituzione di piastrelle, nuove intonacature colorate, installazione di nuovi display e ripulitura di tutti gli accessi in superficie, compresi i muretti e i pali della segnaletica con il caratteristico logo. Borgo e Italia, però, soffrivano (e per il momento soffrono ancora) del cronico guasto di alcune scale mobili, pertanto inutilizzabili, con un certo disagio per l'utenza che da tempo reclama provvedimenti in tal senso. Al riguardo, proprio pochi giorni fa è stata aggiudicata alla Kone SpA di Pero (MI) la progettazione esecutiva e la realizzazione di nuove scale mobili in queste stazioni, per un importo complessivo di circa 430.000 euro. Entro pochi mesi, dunque, la metropolitana di Catania potrà elevare la qualità della sua accessibilità, anche nella considerazione che contestualmente procedono le attività propedeutiche al rifacimento di tutti gli ascensori delle stazioni datate anni '90, che addirittura non sono mai stati funzionanti. Ti potrebbero interessare... Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Metropolitana, a breve l'apertura domenicale e altre migliorie al servizio Metro, entro il primo semestre 2019 l'apertura delle stazioni di Fontana e di Monte Po FOTO | Metropolitana, si lavora nel cantiere base della Palestro-Stesicoro: tunnel pronto a metà 2019 FOTO | Metropolitana di Catania, prende forma la nuova stazione “Fontana” FOTO | Dentro la stazione di Monte Po della metropolitana di Catania

    Leggi tutto

Leggi tutti

17 mag 2018

L'asfalto è nuovo, ma la segnaletica è assente: via Matteo Renato Imbriani pericolosa per gli utenti

Il programma di riqualificazione di strade e piazze ha interessato negli ultimi mesi molte zone della città che da decenni attendevano una seria manutenzione: a fine marzo è toccato a via Matteo Renato Imbriani. Una strada che si sviluppa in una zona densamente popolata e caratterizzata dalla presenza di molti servizi, in particolare scuole ed esercizi commerciali. L’intervento ha riguardato il rifacimento del manto stradale per un totale di diecimila metri quadrati per una spesa di novantamila euro. A distanza di due mesi dalla conclusione si attende il rifacimento della segnaletica, oggi assente: le linee di separazione della carreggiata, i segnali di precedenza e di stop, ma soprattutto gli attraversamenti pedonali. La situazione diventa ancora più paradossale in corrispondenza degli stalli sosta a pagamento che sono stati collocati laddove prima era presente l'attraversamento pedonale di piazza Abramo Lincoln. Le foto mostrano lo stato attuale della strada.

Leggi tutto
19 apr 2018

Qualche stallo in meno per le auto per riqualificare Largo Paisiello

Per una riqualificazione almeno parziale di Largo Paisiello sarebbe opportuna l'eliminazione di cinque stalli a pagamento gestiti dall'azienda partecipata"Sostare" che si trovano proprio davanti la piazza: "chiudono" la piazza e la isolano, facilitandone il degrado di quello che potrebbe essere un bel boulevard con una vista sulla via Pacini e sul prospetto della Chiesa della Madonna del Carmine. Senza auto parcheggiate sul prospetto la piazza si "aprirebbe" alla vista. La fontana, appena ristrutturata, sarebbe visibile anche dalla via Etnea e tutta la zona sarebbe più elegante; le attivita' commerciali presenti acquisterebbero valore e farebbero acquistare valore alla piazza stessa ad esempio facendola fruire a catanesi e turisti con tavolini ed ombrelloni. L'intervento sarebbe a "costo zero" perché basterebbe spostare i pesanti vasi che attualmente si trovano inutilmente sopra la piazza e collocarli in strada in modo da impedire il parcheggio in modo sostanziale. La perdita di cinque posti auto, - che si potrebbero recuperare nelle strade limitrofe-, non sarebbe un fatto grave sia per la esiguità del numero, sia perché nella zona ci sono già molte opportunità di parcheggio. Inoltre le più moderne strategie di mobilità sostenibile hanno dimostrato che il degrado ed il traffico dei centri storici va calmierato anche attraverso la riduzione delle opportunità di parcheggio.

Leggi tutto
  • Enrico Belfiore
    Un altra idea per la metro di catania sarebbe adeguare tutte le stazioni con un unico stile ed inoltre come ho già scritto per Lauretta lungomare una possibile tratta con delle fermate intermedie come piazza Roma piazza vergata leopardi insomma cosicché nel giro di qualche anno si possa collegare tutta la città con la metropolitana e in modo che la macchina verrebbe sostituita
    LEGGI Commenti 1
    26 apr 2017 18:30
  • Enrico Belfiore
    La metropolitana in fase di sviluppo e una grande risorsa per la città di catania e per questo che sarebbe di di maggiore priorità estenderà in tutta la città. La mia idea era di fare una tratta che abbraccia il lungomare di Catania con delle fermate strategiche che sarebbero abbruzzi Bordighera Europa nautico ed in seguito agganciare le località nimotrofe come acicastello accarezza etc.. Così dare nere accessibile tutti i posti con un mezzo ecosostenibile ed efficiente
    LEGGI Commenti 1
    26 apr 2017 18:15
  • Riccardo Sciuto
    Dopo 11 anni di lavori viene fissata una data per l'apetura del passante ferroviario e subito si scopre che sarà monca delle parte più importante e cioè la stazione di Picanello. Vero è che si dice che la stazione sarà aperta dopo l'estate 2017, ma a parte il fatto che in genere in Italia nulla è più definitivo del provvisorio, c'è il discorso dei problemi ad un palazzo vicino ( ma se comunque passeranno i treni questo non dovrebbe comunque incidere sulla stabilità del palazzo a prescindere dalla apertura della stazione di Picanello? Spero proprio che non si tratti di un rinvio sine die. Oltre a questo problema pongo anche una domanda, non sarebbe più opportuno che le FS affidassero alla Circum la gestione dei treni urbani per consentire una frequenza di passaggi pari a quella della metropolitana e una più agevole gestione della biglietteria all'utenza?
    La metro e il passante ferroviario sono un'occasione irripetibile per il rilancio di una città per il resto alla deriva e non possiamo permetterci di sprecarla! Attendo fiducioso risposte e notizie positive.
    Riccardo Sciuto
    LEGGI Commenti 0
    05 mar 2017 11:51
  • peppe2994
    La circumetnea è consigliata per i turisti?
    Con i nuovi treni la visibilità rimane comunque buona?

    Altra cosa, se lascio la macchina a Riposto od a Catania, c'è qualche linea ferroviaria che colleghi le due località?
    LEGGI Commenti 4
    06 feb 2016 10:05
  • metrolavico
    Complimenti per il sito, bella grafica e ben fornito di informazioni. Ottimo lavoro!
    LEGGI Commenti 1
    13 lug 2015 13:24
Ultimi commenti