Articolo
24 ott 2017

Albastar, nuovi voli da Catania per Barcellona, Milano Malpensa, Milano Bergamo e Verona

di Roberto Lentini

Per l’imminente stagione invernale, Albastar, la compagnia aerea spagnola a capitale privato che svolge attività charter e di linea, conferma per il terzo anno successivo, la propria attività di linea verso l’aeroporto di Catania, con voli in partenza da Barcellona (new entry), Milano Malpensa, Milano Bergamo e Verona. Il volo per Barcellona è disponibile dal 22 dicembre al 7 gennaio 2018 con prezzi a partire da 58,82 euro con i seguenti orari:   Il volo per Milano Malpensa è disponibile dal 21 dicembre al 7 gennaio 2018 con prezzi a partire da 32,84 euro con i seguenti orari: Il volo per Milano Orio al Serio è disponibile dal 21 dicembre al al 3 aprile 2018 con prezzi a partire da 29,79 euro con i seguenti orari: Il volo per Verona è disponibile per il 22 dicembre e 3 gennaio 2018 con prezzi a partire da 43,84 euro con i seguenti orari: Con una struttura di circa 200 dipendenti, Albastar propone al mercato un modello di business funzionale e flessibile che prevede collegamenti nazionali e internazionali, sia per traffico on-demand che di linea e ha acquisito numerosi prestigiosi clienti tra Tour Operator e Broker, tra cui Eden Viaggi, Viaggi del Turchese, Futura Vacanze, Settemari, Unitalsi, Brevivet, Opera Romana Pellegrinaggi, Rusconi Viaggi,  Italy Aviation Service, That Aviation, Air Partner, Astra Charter, Classic Air, Tui U.K., Costa Cruises, Pullmantur Cruceros, Travelplan, JoeWalsh Tours, UIP e Tangney Tours. I voli sono prenotabili a questo link.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 ott 2017

AMT Catania, arrivano da Milano 15 bus di seconda mano

di Mobilita Catania

In arrivo 15 nuovi autobus di seconda mano provenienti dall’ATM di Milano: le prime 5 vetture saranno presto messe in strade, altre 10 in tempi brevi.  L'iniziativa adottata, discussa e concordata dal sindaco Bianco con il collega sindaco di Milano, Giuseppe Sala, consentirà nel brevissimo periodo, con costi tollerabili, di porre un primo rimedio alle carenze di mezzi rotabili verificatisi negli ultimi mesi. Gli autobus "milanesi" hanno un’età di circa 10 anni, dovrebbero mettere una pezza alla situazione dell'azienda di trasporto pubblico che conta su con un parco veicolare vetusto; dalle rimesse escono 80 mezzi al giorno con il risultato di linee cancellate e lunghe attese alle fermate. "E' un piccolo passo per rafforzare le linee - spiega Enzo Bianco - in attesa di completare l'acquisizione di decine di nuovi mezzi che sarà interamente finanziata grazie alle risorse del Pon Metro. Un grazie all'ex presidente Carlo Lungaro che si è adoperato per il raggiungimento di questi obiettivi". "L'obiettivo - dice il presidente Puccio La Rosa - è quello di permettere finalmente ad Amt di avere un parco macchine moderno e alla città di Catania, anche attraverso una rivisitazione delle linee ed un percorso di integrazione con la Metropolitana, di avere un trasporto pubblico efficiente ed efficace rispettoso dei moderni criteri di mobilità sostenibile". In attesa dei nuovi 42 autobus che dovrebbero arrivare nel 2018, grazie ai fondi PON Metro, POC, PO-FESR, Decreto “Delrio”, sarebbe auspicabile una rimodulazione profonda della rete, riducendo il numero di linee ed eliminando le sovrapposizioni tra i percorsi, alla luce dello sviluppo dell'asse costituito dalla metropolitana.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
20 ott 2017

Metro Shuttle: esordio positivo, ma il parcheggio Santa Sofia rimane poco impiegato

di Mobilita Catania

Il servizio Metro Shuttle, ossia la navetta della Circumetnea che collega la stazione della metropolitana Milo (con annesso parcheggio) al parcheggio scambiatore Santa Sofia, servendo lungo il tragitto la cittadella universitaria, cresce ogni giorno sempre di più: gli utenti che lo utilizzano sono già passati da circa 900 a 2000 giornalieri nel giro di poche settimane. Il sabato l'utenza si riduce a circa 200 viaggiatori, segno che in questa fase il metro shuttle è utilizzato principalmente da studenti che si recano alla cittadella, mentre risulta decisamente minoritario il numero di pendolari e di utenti che utilizzano il parcheggio Santa Sofia come nodo di scambio di partenza per raggiungere il centro di Catania. In effetti, il parcheggio Santa Sofia, capace di ospitare ben 1700 auto, in questo primo periodo è rimasto desolatamente quasi vuoto, segno che gli abitanti dei paesi etnei limitrofi e del confinante quartiere di San Giovanni Galermo trovano ancora più conveniente usare l'auto per recarsi in centro città per poi, magari, contribuire alla sosta selvaggia che attanaglia il centro e che, nonostante il disordine e l'inquinamento che comporta, è scarsamente contrastata. Per incentivare l'uso del parcheggio di via Santa Sofia occorrerebbe razionalizzare il sistema della sosta all'interno della città aumentandone il costo man mano che ci si avvicina al centro storico con contestuale, progressiva estensione delle aree pedonali, delle zone a traffico limitato e delle piste ciclabili. Parallelamente occorrerebbe sviluppare la rete del trasporto pubblico all'interno delle ZTL più estese, possibilmente con autobus elettrici, e migliorarne l'accessibilità attraverso una riorganizzazione di alcune linee di autobus urbani, anche in considerazione della linea della metropolitana.  Bisogna pure aggiungere, a onor del vero, che probabilmente è ancora molto bassa la conoscenza del parcheggio da parte di buona parte di potenziale utenza diversa da quella universitaria e l'area di sosta, inoltre, è scarsamente segnalata nelle vie della zona. Non a caso, infatti, la dirigenza della Fce ha programmato, per il prossimo futuro, una specifica campagna pubblicitaria. Con l'occasione, però, sarebbe certamente utile intervenire anche su due attuali handicap che rendono il parcheggio poco attrattivo in fascia serale, e cioè l'assenza di navette dopo le ore 19:20 e, addirittura, la chiusura del parcheggio stesso già alle 20: decisamente presto, anche in considerazione della metropolitana aperta sino alle 21:30 (ultima corsa da Stesicoro alle 21:10) e fino a mezzanotte e mezza il sabato sera. Nonostante l'attuale sottoutilizzo del parcheggio Santa Sofia, i dati comunque molto incoraggianti del Metro Shuttle starebbero portando la Ferrovia Circumetnea, secondo quanto riferito dall'ing. Di Graziano, a valutare l'ipotesi di un futuro collegamento stabile e fisso tra i due poli, Milo e Santa Sofia, con la possibilità di essere estensibile. Naturalmente si è ancora in una fase di idee e concretamente non c'è nulla, compreso il tipo di infrastruttura che potrebbe essere scelto per realizzare questo collegamento, ma potrebbe essere l'inizio di un nuovo tracciato di una linea pedemontana che colleghi finalmente i paesi etnei, o almeno una buona parte di essi, con la linea metropolitana con cui raggiungere il centro. Intanto, ad oggi, si ricorda che per usufruire del Metro Shuttle è sufficiente disporre di un qualsiasi titolo di viaggio valido per l'utilizzo della Metropolitana di Catania, sia esso biglietto o abbonamento. Con lo stesso, gli utenti possono utilizzare anche il parcheggio Milo e il parcheggio Santa Sofia dove si possono lasciare senza sovrapprezzo le proprie auto per poi giungere comodamente in centro città in metropolitana. Ti potrebbero interessare: Fasano più vicina al centro grazie alla navetta Metro Shuttle

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2017

Fasano più vicina al centro grazie alla navetta Metro Shuttle

di Roberto Lentini

Fasano è più vicina al centro grazie alla navetta Metro Shuttle che collega il parcheggio di via Santa Sofia con la stazione Metro Milo. Il parcheggio di via Santa Sofia ha una capienza di circa 1300 posti auto e 20 posti autobus e, per la posizione strategica, permette di assolvere alle funzioni di “nodo interscambio” tra i flussi veicolari provenienti dalla zona nord della città e in particolare di San Giovanni Galermo e Gravina sud (Fasano).   Da alcuni giorni il parcheggio è facilmente accessibile anche da chi volesse raggiungerlo a piedi da Fasano grazie all'apertura del passaggio pedonale di via Santa Sofia (aperto dalla 7:00 alle 17:00). Il Metro Shuttle rappresenta quindi una valida alternativa al BRT1 visto che ultimamente ha perso la caratteristica di linea veloce con frequenze che spesso arrivano a 40 minuti contro i 7 iniziali. Il Metro Shuttle effettua 62 corse al giorno coprendo due ampie fasce orarie: dalle ore 07:00 alle ore 15:00 con frequenza di 10 minuti e dalle ore 15:00 alle ore 19:20 con frequenza di 20 minuti. Il percorso della navetta prevede 9 fermate: stazione metropolitana MILO (capolinea), viale Andrea Doria, Cittadella Universitaria est, Policlinico est, Dipartimento di Agricoltura, Parcheggio SANTA SOFIA, Policlinico ovest, Cittadella Universitaria ovest, stazione metropolitana MILO (capolinea). Per aumentare l'accessibilità al parcheggio occorrerebbe spostare il capolinea della navetta di Gravina, gestita dalla Pam, all'interno di esso e realizzare altri accessi pedonali a nord e a ovest del parcheggio visto che ricadono in zone con alta densità abitativa.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
17 ott 2017

Nuovo volo Catania-Bratislava operato da Smartwings

di Roberto Lentini

Per la summer 2018 la compagnia low cost, della repubblica ceca Smartwings offre un nuovo volo diretto Catania-Bratislava operativo dal 13 giugno 2018 al 19 settembre 2018. Il volo al momento non è prenotabile dal sito della compagnia, sarà disponibile il mercoledi e la domenica e verrà utilizzato un Boeing 737-800. Ecco gli operativi del volo: CTA → BTS QS1537 21:20 23:30 -3-7- BTS → CTA QS1536 18:15 20:30 -3- BTS → CTA QS1536 11:50 14:10 -7- Atterra all'aeroporto M.R. Štefánik, più noto come Aeroporto di Bratislava situato a circa 9 km a nord-est del centro di Bratislava. L'autobus N° 61 collega l'aeroporto al centro della città e alla Stazione Principale di Bratislava durante il giorno. L'autobus N° 96 arriva da Petržalka. Di notte l'aeroporto è servito dall'autobus N° N61. Blaguss e Slovak Lines (in cooperazione con Postbus) utilizzano corriere in collegamento con Vienna e con il suo aeroporto 25 volte al giorno, approssimativamente uno ogni 45 minuti. Il viaggio per il centro della città impiega tra i 75 e i 90 minuti. L'aeroporto di Bratislava può essere raggiunto dal centro in macchina, 9 km, o dall'autostrada D1. Vi è un servizio di parcheggio a breve e lunga scadenza, di fronte alla struttura. P1 è il parcheggio all'aperto per soste di massimo 15 minuti. P2 è l'altro parcheggio all'aperto per soste di lunga permanenza. Cosa vedere a Bratislava  Bratislava ha un centro storico ben conservato e piuttosto raccolto, tant'è che è possibile con una sola giornata di permanenza praticamente visitare le attrazioni principali ed immergersi nell'atmosfera di questa antica capitale dell'Est. Il centro storico è chiamato Città vecchia, "starè mesto" in slavo, ed è possibile visitarlo praticamente a piedi essendo in buona parte area pedonale. Delle quattro porte che davano accesso alla città medievale, è rimasta solo la Porta di San Michele da dove parte Michalska Ulica, una delle più antiche strade cittadine disseminata di antichi palazzi. Hlavne Namestie è la piazza principale sede del vecchio municipio, punto d'incontro della città dove troverete bancarelle di sovuvenir e mercatini durante il periodo di festa. Da non perdere anche la piazza Primacialne Namestie, altra importante piazza con diversi edifici storici. Ed è sempre nel centro che troverete le famose statue di bronzo che raffigurano curiosi personaggi come "Cumil", il soldato uscito dal tombino che sembra sbirciare i passanti tra Laurinska e Rybanrska, oppure vi saluterà il raffinato ed elegante "Bell'Ignazio". Oppure essere immortalati dal paparazzo, nascosto dietro tra l'angolo all'incrocio tra via Laurinska e Rybárska brána. E dopo una lunga passeggiata andare a sedervi alla panchina in Hlavne namesti in compagnia di Napoleone.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 ott 2017

Nuovo volo diretto Catania-Vienna operato da Eurowings

di Roberto Lentini

Dal 19 gennaio 2018 la compagnia aerea low cost Eurowings, sussidiaria di Lufthansa, lancia un nuovo volo diretto Catania-Vienna con prezzi a partire da 39,99 euro. Il volo sarà disponibile il venerdì e la domenica e verrà utilizzato un Airbus A320. Ecco gli operativi del volo: CTA → VIE EW5857 11:10 13:20 -5- VIE → CTA EW5856 08:25 10:25 -5- CTA → VIE EW5857 20:00 22:10 -7- VIE → CTA EW5856 17:00 19:00 -7- Atterra all'Aeroporto di Vienna-Schwechat, conosciuto anche come Aeroporto Internazionale di Vienna definito come primario dalla Austrocontrol. E' il principale scalo aereo austriaco e il 20° in Europa, è situato vicino alla cittadina diSchwechat nel Distretto di Wien-Umgebung e serve la città Vienna e, data la vicinanza, anche la capitale della SlovacchiaBratislava. L'aeroporto è collegato con la città di Vienna attraverso il City Airport Train in soli 16 minuti. Esiste pure un autobus che collega l'aeroporto di Vienna Schwechat con la fermata Wien Morzinplatz/ Schwedenplatz della metro, nel centro città a pochi passi dal Duomo di Vienna.  Cosa vedere a Vienna A Vienna ci sono così tante cose da vedere che si è tentati di farne la collezione. Quella che viene definita la capitale mondiale della musica, infatti, è un vero e proprio monumento al medioevo, al barocco, allo storicismo e allo stile liberty, senza contare gli splendidi esempi dell’arte più recente. Rischia di essere un record: a Vienna si contano oltre 27 castelli e più di 150 palazzi storici. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 ott 2017

Dopo dieci anni di inutilizzo riapre il parcheggio scambiatore di San Giovanni Galermo

di Roberto Lentini

Lunedì prossimo, 16 ottobre, alle 10,30, il sindaco di Catania Enzo Bianco, accompagnato dall'assessore alle Manutenzioni Salvo Di Salvo, restituirà alla città il parcheggio scambiatore di Largo Abbeveratoio a San Giovanni Galermo. Il parcheggio fu inaugurato il 10 marzo 2007 dall’allora sindaco Scapagnini e poteva ospitare 230 autovetture e 4 autobus. Secondo il progetto iniziale doveva servire da parcheggio scambiatore per i pendolari, provenienti dai paesi dell’hinterland etneo e raggiungere il centro di Catania utilizzando i mezzi pubblici  ma non è stato mai utilizzato in quanto non è stata mai attivata una linea veloce che lo collegasse con il centro cittadino e da più da quindici anni non era agibile per mancanza delle condizioni minime di sicurezza. I lavori di ristrutturazione del parcheggio erano stati avviati dall'Amministrazione comunale nello scorso mese di luglio. Con quello di San Giovanni Galermo cresce fino a poco meno di 5.500 il numero dei posti auto disponibili nei parcheggi scambiatori che circondano la città di Catania.   Ti potrebbe interessare: I parcheggi scambiatori di Catania: tra sprechi e potenzialità inespresse Parcheggio Zia Lisa: fondamentale scambiatore utilizzato una volta l’anno

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti