Articolo
03 mag 2017

Pedara si prepara al Giro d’Italia: il piano di viabilità per la preparazione e lo svolgimento della competizione

di Amedeo Paladino

Il Giro d'Italia ritorna in Sicilia con due tappe che toccheranno alcuni dei luoghi più belli dell'isola: la quarta tappa, in programma martedì 9 maggio, partirà da Cefalù e arriverà sull’Etna dal versante di Nicolosi per una lunghezza di 180 km; il giorno seguente si partirà da Pedara e si giungerà a Messina. Il comune di Pedara ha approntato un piano di viabilità per la preparazione e lo svolgimento della competizione. Nelle giornate di martedì 9 e mercoledì 10 maggio 2017 alcune strade del Comune di Pedara saranno interessate alla fase di preparazione e alla successiva partenza della Quinta tappa del 100° Giro D’Italia: per  consentire il regolare svolgimento della competizione sportiva nonché salvaguardare l’incolumità e la sicurezza sono state disposte le seguenti ordinanze: Sono chiuse al transito veicolare ed è vietata la sosta con rimozione forzata degli autoveicoli tranne che diversamente specificato, ad esclusione dei veicoli dell’organizzazione, nelle seguenti vie: Piazza Don Diego, compreso via Santa Caterina e il primo tratto di via Roma, dalle ore 15,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017; Via A. Toscano, tratto compreso tra via R. Toscano e Piazza Don Diego, dalle ore 15,00 de l09 alle ore 19,00 del 10/05/2017; Via C. Tomaselli, dalle ore 15,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017, tratto compreso tra l’uscita di P. del Popolo e Via Dott. Consoli solo divieto ditransito; tratto compreso tra via Dott. Consoli e via Laudani sarà regolamentato consenso unico di marcia direzione Ovest; Corso Ara di Giove, tratto compreso tra via Leonardi e via Etnea, dalle ore 15,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017; tratto compreso tra Via Etnea e Via Stella dalle ore 05.00 del 10/4/2017 fino al passaggio dei corridori, previsto per le ore 13.30 circa;  tratto compreso tra Via Stella e Via L. Pirandello dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori, previsto per le ore 13.30 circa; tratto compreso tra via Etnea e via Pirandello dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori, previsto per le ore 13.30 circa; tratto compreso tra via G. Ragala e via Pirandello dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori, previsto per le ore 13.30 circa solo divieto di transito; Piazza Don Bosco e via Don Bosco, dalle ore 15,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017; Piazza Del Popolo, dalle ore 15,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017; Parcheggio Auteri, dalle ore 15,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017; Via Papa Giovanni XXIII, dalle ore 05,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017; Via Collegio, tratto tra via G. Verga e Via Rua S. Antonio, dalle ore 05,00 alle ore 19,00 del10/4/2017; Via Rua San Antonio,  tratto compreso tra via Papa Giovanni XXII e Corso Ara Di Giove, dalle ore 05,00 alle ore 19,00 del 10/05/2017;  tratto compreso tra via Papa Giovanni III e via Delle Ginestre dalle 05,00 alleore 19,00 del 10/05/2017 solo divieto di transito; Via Delle Ginestre, nel tratto compreso tra via Rua San Antonio e la Rotatoria ( Bar Miraglia )dalle ore 05.00 alle ore 19.00 del 10/05/2017 solo divieto di transito; Via Etnea, tratto compreso tra via Sottomonte e via Ombra, dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori previsto per le ore 13.30 circa, tratto compreso tra via G. Marconi e Piazza Don Diego dalle ore 05.00 alle ore 16,00 del 10/05/2017; Parcheggio G. Lo Coco (ingresso Parco “D’Arrigo”) dalle ore 15.00 del 09 alle ore 17.00 del 10/4/2017; Via L. Pirandello, dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori previsto per leore 13,30 circa; Via L. Capuana, dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori previsto per le ore13,30 circa;Via Sottomonte, dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori previsto per le ore 13,30 circa; Via Ombra, dalle ore 10,30 del 10/05/2017 fino al passaggio dei corridori previsto per le ore13,30 circa; Viale Dello Sport, dalle ore 05,00 alle ore 19,00 del 10/05/2017;Via Pizzo Ferro, dalle ore 17,00 del 09 alle ore 19,00 del 10/05/2017, oltre il divieto di sosta è istituito il senso unico di marcia direzione Nord; Via Simone Del Pozzo, solo divieto di transito dalle ore 05.00 alle ore 16,00 del 10/05/2017; Il traffico proveniente dai paesi limitrofi verrà indirizzato con l’apposizione di apposita segnaletica secondo le direttrici di seguito indicate: Trecastagni: direzione Catania per Via delle Gardenie; direzione Nicolosi o Etna per Via Don Ludovico. Nicolosi: direzione Catania per Via Teocrito – Via delle Ginestre;- direzione Trecastagni per Guardia Ragala. Mascalucia: - tutte le direzioni per Via Teocrito. Tremestieri: - tutte le direzioni per Via M. Giusti – Trigona. Sono individuate le seguenti aree di parcheggio riservate ai Bus che verranno orientati così come segue: autobus provenienti da Nicolosi: su Via Guardia Ragala – Via dell’Aria e strade a seguire; autobus provenienti da Trecastagni: Via Salvo D’Acquisto – Via Dante Alighieri, ViaFederico De Roberto – Via Suriente e strade a seguire;  autobus provenienti da Tremestieri: Viale Vespri Siciliani – Via Trigona attraverso Via M.Giusti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2017

AMT, il nuovo membro del CdA è Claudio Iozzi: modificare lo Statuto e rilanciare l’azienda come obiettivi

di Mobilita Catania

Claudio Iozzi prende il posto del dimissionario Domenico Drago. Presidente resta Carlo Lungaro e del Consiglio d'Amministrazione fa parte anche Stefania Di Serio. Il nome di Iozzi è stato indicato dal socio unico, il Comune di  Catania, nel corso di una seduta straordinaria dell'Assemblea dell'Azienda metropolitana trasporti   Claudio Iozzi è il nuovo componente del cda dell'Azienda metropolitana trasporti. Prende il posto del dimissionario Domenico Drago ed è stato nominato nel corso di una  seduta straordinaria dell'Assemblea dell'Amt dal socio unico, il Comune di  Catania. Iozzi, 47 anni, commercialista con una ventennale esperienza nel settore pubblico locale,  è al secondo mandato come presidente di Asstra Sicilia, l'associazione datoriale di categoria che raggruppa le principali aziende di trasporto pubblico locale, a capitale sia pubblico che privato. Presidente dell'Amt resta Carlo Lungaro - che è stato anche vicepresidente nazionale  della Federtrasporti - e del Consiglio d'Amministrazione fa parte poi Stefania Di Serio, che ha lavorato per vent'anni in ruoli apicali in aziende del Trasporto pubblico locale e della Mobilità in tutt'Italia. Il nuovo CdA avrà l'obiettivo di procedere all'approvazione delle modifiche allo Statuto societario imposte dalle nuove normative sulle Partecipate e operare l'assestamento e il rilancio dell’Azienda che attraversa un periodo di difficoltà.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 apr 2017

La stagione balneare potrebbe cominciare tra fine maggio e inizio giugno; ripulite le spiagge libere

di Mobilita Catania

La stagione balneare potrebbe cominciare tra fine maggio e inizio giugno. Le gare d'appalto per la costruzione delle strutture dei solarium di piazza Europa e Ognina, insieme alla passerella di discesa nel tratto di costa del borgo di San Giovanni Li Cuti sono state aggiudicate da una ditta di Brolo (Messina) per un importo di 150 mila euro. L'altro "scoglio" da superare è la gestione dei servizi. Il Comune di Catania ha revocato la gestione alla società Caffè Napoleon, coinvolta in un inchiesta di mafia. La gestione della sicurezza e della manutenzione delle spiagge sarà assegnata alla società partecipata Multiservizi; mentre ad occuparsi degli spazi di sosta sarà l'azienda SoStare che avrà in gestione circa mille stalli lungo il litorale della Plaia; per quanto concerne il servizio di salvataggio e la gestione dei bar verranno bandite due gare rivolte a soggetti esterni. Nel frattempo in questi giorni gli operai del comune di Catania hanno provveduto alla pulizia delle tre spiagge libere comunali della Plaia. Una quindicina di operatori, attrezzati con ramazze e rastrelli, hanno portato via ogni genere di rifiuto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2017

Autostrade Siciliane: cantieri sospesi per il 1° Maggio; nuovi lavori programmati dopo il “ponte”

di Mobilita Catania

Per il ponte dell’1 maggio il Consorzio ripropone lo stesso piano di assistenza attuato in quello del 25 aprile (cantieri sospesi o provvisoriamente rimossi, restringimenti e deviazioni di carreggiata spostati dove possibile e potenziati i servizi di esazione e quelli di assistenza al traffico) Nel contempo il CAS riconferma l’invito agli utenti del capoluogo di accedere in autostrada (direzione Palermo), servendosi dello svincolo di "Giostra" tenuto conto che nel ponte del 25 aprile la viabilità nel Viadotto Ritiro è stata più scorrevole. Di seguito altri nuovi lavori da eseguire nelle due autostrade alla riapertura dei cantieri: A20 MESSINA PALERMO Sfalcio degli arbusti e dei cespugli sporgenti nella tratta Falcone-S. Agata di Militello ed abbattimento delle palme infette da punteruolo rosso da Tremestieri (Messina) a S.Agata di Militello. In esecuzione fino a metà del prossimo novembre. Ditta selezionata Impresa Pippo Pizzo di Montagnareale. Costi a carico del bilancio del CAS. A18 MESSINA-CATANIA e A20 MESSINA-PALERMO Reintegro della segnaletica verticale in alcuni punti delle due autostrade. Il cantiere sarà operativo fino a tutto il mese di maggio. Ditta selezionata Impresa S.E.A. di Mancuso Prizzitano di Mili Marino (ME). Costi a carico del bilancio del CAS. Gli interventi descritti saranno attuati in entrambe le direzioni di marcia, in presenza di traffico ed in orario diurno, chiudendo di volta in volta la corsia di emergenza, marcia e sorpasso. In prossimità delle manutenzioni, viabilità con limite di velocità di non oltre 60 km/h e divieto di sorpasso. Lavori e deviazioni segnalati da apposita cartellonistica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2017

Autostrada Catania-Messina: avviati i lavori del verde in vista del G7

di Mobilita Catania

Sono stati avviati – a conclusione degli atti di selezione dell’impresa – i lavori di esecuzione del verde nella A18 ed in tutti gli svincoli della tratta. Secondo una programmazione condivisa con altri uffici istituzionali preposti al G7, gli interventi verranno eseguiti nella immediatezza nello Svincolo di Taormina ed a seguire da Taormina fino a San Gregorio (Catania); a conclusione dell’evento internazionale, i lavori proseguiranno da Taormina fino a Tremestieri (Messina). Gli interventi, segnalati da apposita cartellonistica, saranno attuati in entrambe le direzioni di marcia, in presenza di traffico ed in orario diurno che notturno, chiudendo di volta in volta la corsia di emergenza, marcia e sorpasso in corrispondenza del cantiere; in corrispondeza dei tratti interessati dai lavori sono disposti il limite di velocità di non oltre 60 km/h e divieto di sorpasso, nelle rampe di svincolo la velocità non potrà superare i 40 km/h. La Ditta selezionata è l'Impresa Michelangelo Mammana di Castel di Lucio. Infine, sono state individuate le imprese per altri lavori di messa in sicurezza nella Messina-Catania a seguito ultimazione delle procedure di gara (ai sensi della vigente normativa e delle direttive dell’ANAC). • Indagini geognostiche, geostrutturali e sismiche integrative agli interventi di ripristino del nastro autostradale a seguito fenomeni dissestativi. Ditta Urania srl. • Ripristino barriere incidentate in entrambe le direzioni di marcia della tratta Tremestieri (Messina)-Taormina. Impresa Consorzio Stabile Grandi Opere di Caserta. • Segnaletica orizzontale e verticale in entrambe le direzioni di marcia della tratta Taormina-Tremestieri (Messina). Ditta Intercontinentale srl di Messina. Tutti i costi a carico del bilancio CAS.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 apr 2017

Porto di Catania, incontro tra il sindaco e il nuovo presidente Autorità Portuale: apertura alla città e sviluppo al centro della riunione

di Mobilita Catania

Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha incontrato nel Palazzo degli elefanti il nuovo presidente dell'Autorità di sistema portuale della Sicilia orientale Andrea Annunziata. "Una riunione operativa - ha detto il Sindaco - per discutere della completa apertura del Porto alla città ma anche delle enormi possibilità di sviluppo di un territorio ampio che comprende metà della nostra Isola, con una grande attenzione per le questioni legate all'Ambiente". Annunziata, campano, avvocato ed esperto di logistica ed economia dei trasporti, è stato sottosegretario nel secondo governo Prodi e, dal 2008 al 2016, presidente dell'autorità portuale di Salerno, dove sono stati raggiunti considerevoli risultati di crescita. Fa parte del consiglio direttivo di Assoporti. "Con il sindaco Bianco - ha detto il Presidente dell'Autorità -  stiamo lavorando per far sviluppare armonicamente tutto il Distretto assecondando le vocazioni dei porti di Augusta e Catania". L'idea centrale del progetto parte dalla considerazione che i due porti sono importanti ma diversi tra loro e possono crescere facendo squadra. Il primo  ha una maggiore inclinazione al traffico cosidetto ro-ro (rotabili-rotabili) e ro-pa (rotabili-passeggeri), ossia i traghetti. Augusta, invece, con il suo petrolchimico, punta maggiormente sui container e per questo Annunziata sarà dal 9 al 12 maggio alTransport Logistic di Monaco di Baviera, il principale salone mondiale del settore. Per quanto riguarda Catania, a partire dal 2018 sono previste iniziative per rilanciare il crocierismo, accreditando il porto come sede di partenza delle crociere. Si è parlato inoltre della possibilità di consentire nella banchina più vicina al centro cittadino l'ormeggio dei superyacht privati. Si è cominciato a discutere anche di alcune zone attorno al porto etneo, come quella del cosiddetto Cementificio, che potrebbe essere in parte utilizzato per attività di supporto a quelle portuali e in parte per la rigenerazione del quartiere. "Nei prossimi giorni, poi - ha detto Bianco - si svolgerà un incontro con l'Interporto che, se sapremo sfruttare adeguatamente le occasioni, può rappresentare una grande opportunità per l'intera Sicilia orientale". Si sta comunque cominciando a pensare anche ad altre aree strategiche. Si è parlato per esempio di Zes - zone economiche speciali, con agevolazioni fiscali da chiedere a governo nazionale e Ue - per stimolare lo sviluppo economico della Sicilia orientale. Dopo Monaco è previsto un incontro più approfondito, con tutti i sindaci e gli altri attori del territorio. Per approfondire l'argomento ti consigliamo: Porto | Scheda dell'opera FOTO | Restituire il porto alla città: il progetto FOTO | Integrazione Città-Porto secondo il progetto ANCE

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 apr 2017

La mobilità sostenibile a Malta parla catanese: l’Ente governativo dei Trasporti sceglie uno studio di architettura di Catania per migliorare la mobilità

di giulias

Uno studio di architettura di Catania si aggiudica il progetto per il nuovo sistema di trasporto sostenibile basato sull'intermodalità Transport Malta, l’Ente governativo che si occupa dei trasporti, ha deciso negli ultimi anni di destinare la maggior parte delle risorse economiche (sia proprie che quelle provenienti da finanziamenti europei) per la riduzione dei problemi legati alla mobilità dell’isola. Così come la maggior parte delle nostre aree urbanizzate anche il territorio maltese è interessato dai tipici effetti legati ad un sistema dei trasporti ormai divenuto talmente ingestibile da compromettere la vivibilità delle città: livelli di congestionamento sempre più elevati, tempo passato nel traffico cresciuto notevolmente, una richiesta sempre maggiore di spazi per la sosta, un livello di inquinamento ambientale sempre più preoccupante, inquinamento acustico in crescita. L’obiettivo è quello di favorire un cambiamento dei comportamenti degli utenti e di passare quindi da un sistema basato sull’uso del mezzo privato (che risulta essere però un sistema antico e inefficiente dal momento che oggi ci troviamo a comprare e mantenere auto private che usiamo solo per un tempo pari al 5% della loro vita utile) ad un sistema moderno che sia più green (ecologicamente meno impattante) e smart (efficiente e veloce anche grazie all’uso di nuove tecnologie). La strategia pensata da Transport Malta è quella di puntare sul trasporto sostenibile (che significa uso di sistemi a basso impatto ambientale come per esempio mezzi elettrici, incentivazione di una mobilità dolce e sviluppo di sistemi di trasporto collettivi) e sull’intermodalità. Il sistema maltese prevede infatti la creazione di una rete di diversi mezzi (autobus, biciclette elettriche, macchine elettriche, traghetti, etc) che sia fatta di nodi di interscambio (chiamati SMITH, acronimo che sta per Sustainable Multi Intermodal Transport Hubs) dove l’utente possa facilmente e rapidamente (grazie alla prossimità ma anche grazie all’utilizzo di una app) cambiare mezzo di trasporto per spostamenti più rapidi ed efficienti. Nei prossimi anni il territorio maltese sarà coperto da questa rete di hub in cui i più importanti permetteranno ai pendolari e ai turisti di spostarsi grazie agli scambi tra autobus, battelli per gli spostamenti marittimi tra città, biciclette elettriche in sharing, macchine elettriche in sharing. Il futuro è ormai segnato e tutte le strategie europee ma anche nazionali per l’orizzonte 2020 nonché i maggiori programmi di finanziamento prevedono azioni legate ad una mobilità più efficiente e pulita. Ad esempio a livello europeo si è deciso di istituire i SUMP (piani di mobilità urbana sostenibile), di incentivare l’acquisto di mezzi più puliti, di spingere su un’infrastrutturazione per l’uso di sistemi elettrici; programmi come Horizon2020, UIA, Interreg ecc prevedono finanziamenti alle città che propongano strategie innovative di trasporto. È tempo quindi che anche le città italiane e siciliane si attivino per dotarsi di politiche e piani che vadano in questa direzione se vogliono affrontare i problemi legati ai trasporti e puntare ad avere standard di vivibilità e di sostenibilità più elevati per i loro abitanti.

Leggi tutto    Commenti 0