Articolo
18 dic 2015

L’Aeroporto di Catania sbarca sui social network, oggi la presentazione

di Mobilita Catania

Con l’hashstag #cataniaairport da oggi l’aeroporto di Catania diventa “social”  e figura con un proprio profilo ufficiale in tutte le principali piattaforme dei newmedia come Twitter, Facebook, Instagram, Youtube e Google+, canali di comunicazione di massa sempre più utilizzati dai passeggeri con la diffusione esponenziale dei dispositivi mobili (smartphone e tablet). L’hashtag, ovvero l’etichetta che fa da aggregatore tematico, servirà ad individuare sulla rete tutti i contenuti relativi lo scalo di Catania. Oggi la presentazione dell’iniziativa, che rientra nel più ampio progetto “Aeroporto Amico” promosso da Sac a cura del presidente Sac Spa Salvatore Bonura, e dell’amministratore delegato, Gaetano Mancini. Un’opportunità quella fornita dai social media, decisamente strategica per un aeroporto come quello di Catania, il più grande del sud Italia. Oltre a veicolare, infatti, informazioni utili ai passeggeri in transito, la presenza sui social consentirà di condividere queste notizie con la community del web facendole diventare virali. Orari dei voli in arrivo e in partenza, norme di sicurezza, eventuali criticità, assistenza ai viaggiatori, rotte principali e nuove destinazioni delle compagnie aeree, informazioni sulle coincidenze con altri mezzi di trasporto (treno, bus, navette, taxi) servizi al passeggero e assistenza specializzata, itinerari alla scoperta della Sicilia e delle sue attrazioni d’arte, cultura, naturalistiche ed enogastronomiche. Contenuti che, grazie ai newmedia, potranno essere condivisi sulla rete dando valore all’esperienza del viaggiatore in Sicilia – che potrà geolocalizzarsi nella struttura aeroportuale di Catania – e, per il suo tramite, dando valore allo scalo dove è temporaneamente in transito. “Da tempo - ha commentato il presidente Sac Salvatore Bonura – pensavamo di traghettare nei social media l’aeroporto di Catania. In questi anni abbiamo visto una diffusione costante e trasversale, per età, professione e cultura, di questi strumenti di comunicazione. Per uno scalo come il nostro, con oltre 7 milioni di passeggeri l’anno, è una svolta strategica nella direzione di una maggiore capacità di comunicare con gli utenti, maniera semplice e diretta. E poi un aeroporto in costante espansione come quello di Catania non poteva rinunciare al valore dei social media: strumenti dinamici, interattivi e dunque particolarmente efficaci per veicolare al passeggero informazioni istituzionali, ma anche di natura pratica, e agevolarlo nella fruizione dei servizi aeroportuali. Da qui il progetto “Aeroporto Amico”, del quale la presenza sui social e il nuovo brand costituiscono parte integrante” A illustrare le finalità del progetto è stato Gaetano Mancini, amministratore delegato di Sac: “Grazie ai social e ai dispositivi mobili desideriamo consentire al passeggero, ancora prima che arrivi nello scalo, di pianificare meglio il viaggio, la permanenza nel terminal e la fruizione dei servizi. Ma non solo. Attreverso i social media vogliamo infatti avviare un canale di comunicazione bidirezionale: non soltanto informazioni al passeggero, ma anche la possibilità per quest’ultimo di segnalare criticità e offrire spunti di miglioramento attraverso il servizio di customer care che viene significativamente potenziato. Social e nuovo brand sono in tal senso parte importante del nuovo progetto “Aeroporto Amico” che vuole coinvolgere, è bene dirlo, non solo Sac, ma tutti i soggetti della filiera aeroportuale. Poiché l’obiettivo di “Aeroporto Amico” – ovvero rendere sempre più piacevole al passeggero l’esperienza di transito in aeroporto – si otterrà solo grazie alla collaborazione di tutti i vari prestatori di servizi che operano nello scalo, sia pubblici che privati. Per questo ci sentiamo di indirizzare loro i nostri ringraziamenti per il contributo che daranno al progetto nell’ambito del nuovo brand “Aeroporto di Catania” che vuole rappresentare l’operato di tutti: gli Enti di Stato, le compagnie aeree, gli operatori di handling, della security e del Prm (passeggeri a ridotta mobilità), gli esercizi commerciali, i prestatori di servizi aeroportuali come pulizie e manutenzioni e quant’altro. E’ la collaborazione tra tutti gli attori di questo sistema che consente di ottenere un “Aeroporto Amico”: una sinergia che punta a fornire maggiori e migliori servizi ai passeggeri dello scalo di Catania". Contestualmente al lancio delle proprie piattaforme social, Sac ha poi presentato il nuovo brand “Aeroporto di Catania” e i suoi contenuti principali. “Aeroporto di Catania” è il brand che d’ora in poi individuerà, sia a livello verbale (contiene il nome della città), che visivo, la grande infrastruttura della Sicilia orientale, termini di riferimento per 3,5 milioni di siciliani provenienti dalle province di Catania, Siracusa, Ragusa, Messina (con le Eolie), Enna, Caltanissetta, e una buona quota dell’agrigentino (area est). Un enorme bacino di utenza. Non a caso è stata scelta l’inconfondibile silhouette della Sicilia, del quale l’Aeroporto di Catania è lo scalo più trafficato: una serie di raggi, che danno luogo ad un aeroplano stilizzato e diretto verso l’infrastruttura aeroportuale, si concentrano e si irradiano dalla città ai piedi dell’Etna, vero e proprio hub della mobilità dell’isola, ponte diretto verso tutta l’Europa (e i terminal intercontinentali di Roma Fiumicino e Milano Malpensa), l’Africa del Nord e di recente verso l’Asia (con il volo diretto verso Istanbul). Fonte foto di copertina ( http://www.siciliainformazioni.com/)

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
16 dic 2015

Arriva il terzo “Vulcano”. Sabato la cerimonia di consegna in occasione dei 120 anni della Fce

di Mobilita Catania

Ieri sera si è posato sui binari della stazione Borgo anche il terzo treno commissionato all'azienda polacca NEWAG, di cui vedete la foto dell'arrivo in piazza Abramo Lincoln, nei pressi di Catania Borgo, dove si sono svolte le operazioni di scarico. I nuovi treni Newag modello “Vulcano”, di moderna concezione, comfort e prestazioni, in dotazione alla Fce, saranno presentati sabato 19 dicembre 2015 alle ore 9,30 presso la Stazione FCE Catania-Borgo, via Caronda 352/A, Catania. Noi di Mobilita Catania saremo presenti per testimoniare il momento storico per i trasporti della nostra città metropolitana. Interverranno il Gestore Direttore Generale TPL per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Virginio Di Giambattista, il Direttore Generale FCE Alessandro Di Graziano, l’Assessore Regionale ai Trasporti Giovanni Pistorio, il sindaco di Catania Enzo Bianco. Saranno presenti le autorità civili, militari e tutti i sindaci dei comuni interessati dal tragitto della ferrovia. L’arcivescovo metropolita di Catania, Monsignor Salvatore Gristina, benedirà i nuovi treni. FCE è impegnata nel nevralgico sviluppo della metropolitana ed in un più generale programma di riqualificazione della propria linea urbana e suburbana di superficie. Lo scorso luglio è stato inaugurato il completamento della tratta Adrano-Biancavilla-Paternò. Adesso si festeggia l’arrivo di quattro unità di trazione che la Società Newag ha realizzato in esecuzione di un primo contratto applicativo all’interno di un più ampio Accordo Quadro relativo a 10 Unità di Trazione (al momento, oltre ai nuovi quattro, ne sono previsti altri tre). «Sono treni nuovi, confortevoli, che saranno impegnati nel tragitto che 120 anni fa segnava l’inizio della storia della Ferrovia Circumetnea. Era, infatti, il 1895 quando fu inaugurato il primo tratto di linea: Catania Borgo-Adernò (oggi Adrano)», sottolinea il Gestore Direttore Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Virginio Di Giambattista che prosegue: «Grazie alla collaborazione con la Regione Siciliana, utilizzando i fondi comunitari, altre tre unità di trazione verranno consegnate l’anno prossimo così da sostituire ed integrare progressivamente le vetture attualmente operative che hanno una età media di 45 anni». Il Direttore Generale FCE, Alessandro Di Graziano, aggiunge: «L’obiettivo è mirare con maggiore forza ad una frequenza e puntualità del servizio come imprescindibili indicatori di attrazione per gli utenti. La linea ferroviaria della Circum può assumere un ruolo decisivo sulle abitudini di spostamento di tantissime persone, disegnando già dall’anno prossimo uno scenario di scambio con la metropolitana nei pressi della stazione di Nesima che permetterà con comfort, sicurezza e puntualità di arrivare da numerosi paesi etnei fino al centro di Catania». Per l’occasione, Poste Italiane disporrà un annullo filatelico per celebrare i 120 anni di esercizio di Ferrovia Circumetnea.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 dic 2015

Un murale per lo stadio: VOTA IL SONDAGGIO

di Amedeo Paladino

Un murale per la salvaguardia della memoria storica e calcistica della città e per liberare dall'incuria l'esterno dello stadio Angelo Massimino: è la proposta di un comitato di tifosi del Calcio Catania composto dalla redazione di Quelli del '46, programma di Radio Lab sulla storia del Catania, dagli autori del libro Tutto il Catania minuto per minuto e da alcuni componenti del Comitato Géza Kertész. L'iniziativa è stata accolta dal Comune di Catania, ma a realizzare l'opera sarà l'Accademia di Belle Arti: il murale sarà realizzato nelle mura esterne della Curva Sud e della Tribuna B e raffigurerà 40 protagonisti della storia calcistica della nostra città. Nelle intenzioni del comitato proponente c'è il coinvolgimento dei tifosi: per questo motivo da alcuni giorni è disponibile un sondaggio in cui sono stati inseriti 70 nomi tra presidenti, allenatori e calciatori, tra questi verranno scelti i 40 nomi. Emanuele Rizzo, componente del comitato, spiega che "i nomi scelti sono stati votati da noi, e sappiamo bene che ciò inevitabilmente può portare a polemiche, proprio per questo abbiamo dato la possibilità di inserire un nome facoltativo oltre a quelli già in lizza. Ovviamente i posti sono limitati e questo comporterà tante esclusioni, questo ci dispiace molto, ma è inevitabile. Fosse stato per noi ne avremmo aggiunti molti di più." Il sondaggio sarà attivo per tutto il mese di dicembre, ecco il link. Murale Stadio Catania  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 dic 2015

Via Umberto pedonale i week-end natalizi

di Amedeo Paladino

Molti catanesi ricordano ancora via Umberto resa pedonale per alcuni mesi nel lontano 1988: una proposta del Sindaco Enzo Bianco alla sua prima esperienza al Palazzo degli Elefanti, da molti osteggiata e definitivamente bloccata dopo poco tempo. Allora la creazione dell'area pedonale di via Etnea e via Umberto fu un'iniziativa innovativa per la nostra città e la marcia indietro si è dimostrata poco lungimirante. In questi anni le istanze dei cittadini per una mobilità nuova e sostenibile si sono fatte sempre più pressanti e le esperienze di molte città italiane dimostrano che restituire lo spazio pubblico ai cittadini, sottraendolo alle auto, migliora la vivibilità della città in termini di salute, relazioni sociali ed economia locale. In una città come Catania, relegata in fondo alla classifica Ecosistema Urbano in base al rapporto di Legambiente che prende in esame 18 indicatori inerenti a qualità dell’aria, gestione delle acque, rifiuti, trasporto pubblico e mobilità, ogni iniziativa tesa a modificare la mobilità catanese fa notizia, raccogliendo opinioni discordanti tra i cittadini. Probabilmente anche la decisione dell'Amministrazione di rendere pedonale via Umberto I per i prossimi due fine settimana sarà da molti accolta positivamente e da altri osteggiata; tuttavia le esperienze del Lungomare Liberato, del Castello Ursino Liberato e di Ursino Buskers ci insegnano che iniziative come questa possono essere una leva per il cambiamento. La chiusura al traffico di via Umberto, nel tratto tra piazza Majorana e via Etnea, avverrà sabato 12 e sabato 19 dalle 16 alle 20 e le domeniche 13 e 20 dalle 9 alle 20: l'istanza di pedonalizzazione era stata avanzata nel mese di settembre dal movimento #salvaiciclisti in occasione della settimana europea della mobilità sostenibile. Per l'occasione l'AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) metterà a disposizione un autobus storico, anche un trenino turistico natalizio farà la spola in via Umberto pedonale. Le linee di trasporto urbano il cui percorso insiste su via Umberto saranno dirottate su percorsi alternativi (Corso Italia o Corso Sicilia). La foto di via Etnea affollata di gente lo scorso sabato pomeriggio ci lascia sperare nel successo di via Umberto pedonale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2015

Gli studenti si mobilitano contro i parcheggiatori abusivi: firma la petizione

di Mobilita Catania

In queste ultime settimane è cresciuta la mobilitazione da parte degli studenti che frequentano il monastero dei Benedettini contro il dilagante fenomeno dei parcheggiatori abusivi, una presenza illegale e invasiva: in alcuni casi dalla richiesta del pagamento della sosta si è passati all'aggressione fisica. Per reagire a questa situazione di illegalità è appena nato il movimento Monastero Abusivo il quale chiede con forza la liberazione dai parcheggiatori abusivi dell'area antistante il Monastero dei Benedettini e la relativa riqualificazione della piazza che attualmente è utilizzata abusivamente come parcheggio. La stessa sorte è riservata ai marciapiedi completamente occupati dalle auto che non consentono neanche il passaggio dei pedoni. I ragazzi hanno lanciato una petizione on line per chiedere all'Amministrazione attenzione riguardo il problema, ecco il testo: Stanchi dell'indifferenza dilagante che contraddistingue noi studenti di scienze umanistiche, abbiamo deciso di portare avanti un'iniziativa atta a contrastare il fenomeno del pizzo di strada. Alla luce dei video che circolano in rete con l'hashtag #monasteroabusivo #noncisto. Non ci mettiamo la faccia solo online ma ci facciamo sentire coi fatti.   Anche la redazione di Mobilita Catania si unisce al loro appello ed invita tutti i lettori a firmare la petizione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 dic 2015

Per Natale l’Orto Botanico è scontato: “Museo Verde” e laboratori per bambini

di Mobilita Catania

In occasione delle festività natalizie presso l’Orto Botanico di Catania, Officine Culturali in accordo con il Dipartimento di Scienze Biologiche Geologiche e Ambientali, invita i residenti a Catania e provincia a visitare il “museo verde” dell’Università di Catania con un biglietto speciale e riservato a loro. Dal 9 dicembre fino al 5 gennaio il biglietto di ingresso per i residenti sarà di solo 1,00€ anziché 3,00€. L’Orto Botanico è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00 (ultimo ingresso alle ore 16.00) e il sabato dalle 9.00 alle 13.00 (ultimo ingresso alle ore 12.00)*. Tra le collezioni dell’Orto Botanico è possibile ammirare il settore delle succulente in cui capeggiano monumentali Echinocactus grusonii, i cuscini della suocera, e splendidi esemplari di Ceiba speciosa, il falso Kapok, o la collezione delle palme in cui, insieme alle più comuni, vivono esemplari di L'Encephalartos ferox, fino a giungere nel settore dell’Orto Siculo dove tra le piante endemiche ritroviamo anche la ZelKova sicula, pianta di enorme interesse perché considerata estinta fino a qualche decennio fa. Anche per i bambini il Natale all’Orto è speciale: insieme ai loro genitori potranno prepararsi al meglio alle festività con un laboratorio ludico-didattico in cui insieme costruiranno, partendo dalle specie naturali custodite nel giardino scientifico, ghirlande, nastrini e decori natalizi. Il laboratorio si terrà domenica 13 dicembre alle 0re 10:00. Le attività con i più piccoli sono volte a costruire un legame profondo con il giardino scientifico e con la natura in generale, partendo sempre dal gioco e dalla creatività. Per informazioni e prenotazioni chiamare ai numeri 095.6139910 - 0957102767 – 3349242464. *Si ricorda agli utenti che l'Orto Botanico resterà chiuso durante i giorni di festa, 25 e 26 dicembre e 1 gennaio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 nov 2015

ChocoModica merita un viaggio… in treno

di Mobilita Catania

ChocoModica 2015 merita un viaggio. E questo viaggio si potrà fare su un treno d'epoca. Dal 5 all’8 dicembre, la cittadina siciliana, conosciuta nel mondo per il suo cioccolato artigianale di qualità, è pronta a festeggiare nuovamente il "cibo degli dei" in tutta la sua varietà di forme e gusti, dal più dolce al più piccante. Piacere per il palato e per gli occhi, la kermesse si svolgerà nel centro storico di Modica, fra i palazzi, le piazze e i pregiati monumenti del barocco siciliano, Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Meta ideale per trascorrere il primo weekend di dicembre, prolungato dalla festa dell’Immacolata, ChocoModica promette a turisti e visitatori quattro giorni di assoluto relax, fra le note e gli aromi del cioccolato artigianale di Modica. Per l'occasione Trenitalia e Fondazione Ferrovie dello Stato hanno aderito alla proposta del Comune di Modica e del Consorzio del Cioccolato di istituire un treno storico per raggiungere la festa del cioccolato siciliano: è nato così il ChocoModicaExpress che attraverserà il sud-est della Sicilia.Il servizio sarà attivato il 5 e 6 dicembre sulla tratta Catania C.le-Modica, con il seguente itinerario andata/ritorno e relativi orari: Catania Centrale ore 07,55 Lentini 08,55 Augusta 09,36 Siracusa 10.30 Noto 11,01 Pozzallo 11,32 Modica 12,05 ritorno: Modica 17,50 Pozzallo 18,19 Noto 19,05 Siracusa 20,20 Augusta 20,42 Lentini 21,12 Catania C.le 21,40.   Prezzi biglietti: adulti Euro 25 andata e ritorno (da Catania, Lentini, Augusta) adulti Euro 20 andata e ritorno (da Siracusa, Noto, Pozzallo) ragazzi (4-12 anni non compiuti) Euro 12,50 andata e ritorno (da Catania, Lentini, Augusta) ragazzi (4-12 anni non compiuti) Euro 10 andata e ritorno (da Siracusa, Noto, Pozzallo) Gratuità per bambini (0-4 anni non compiuti) non occupanti posto a sedere ChocoModica 2015, organizzato dal Comune di Modica e firmata da Eurochocolate, è promosso in collaborazione con il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica, con il contributo della Regione Siciliana, della Camera di Commercio di Ragusa e delle principali Associazioni di Categoria.

Leggi tutto    Commenti 0