Articolo
18 giu 2015

ESCLUSIVA | Un sistema di Bike Sharing elettrico nei paesi etnei sarà presto realtà

di Andrea Tartaglia

Vi sottoponiamo l'intervista in esclusiva per catania.mobilita.org, presto trasformatasi in una piacevole chiacchierata, avvenuta questa mattina con Marcello Nigro, presidente di Energia Pulita Sicilia (azienda che si occupa di energie rinnovabili), nonché di Conf. S.E.R., ovvero la branca di ConfCommercio per lo Sviluppo delle Energie Rinnovabili. - Il Bike Sharing, sempre più diffuso e comune in Italia e all’estero, dalle nostre parti rappresenta ancora una lacuna da essere colmata. Però progetti e iniziative non mancano: Lei, infatti, è artefice di un interessantissimo progetto di Bike Sharing elettrico che coinvolgerà i paesi etnei dell’hinterland di Catania e, successivamente, anche il capoluogo. Presidente, in cosa consiste il suo progetto? Parto da una premessa. La situazione in Sicilia non è così drammatica come si possa pensare, in Sicilia esistono già ben 1720 km di piste ciclabili (per lo più fuori dei centri urbani, ndr), ma sono però conosciute solo dagli appassionati e spesso in assenza di un quadro efficiente di gestione e manutenzione. Il mio progetto non è finalizzato alla soluzione di un progetto di mobilità articolato in tutta la Sicilia, ma in funzione delle esigenze specifiche di un territorio. Ad esempio, ho già studiato, nell'ambito del PAES (Piano di Azione per l'Energia Sostenibile) un progetto di Bike Sharing per Catania con 25 ciclostazioni. Adesso siamo pronti ad abbracciare la fascia pedemontana dell'Etna, progetto per il quale anche la Ferrovia Circumetnea è interessata. Le istituzioni, in generale, però, non conoscono bene l’argomento e perdono alcune importanti occasioni per farlo. Ad esempio, domani, proprio a Catania ci sarà una grande manifestazione nazionale sul tema della mobilità sostenibile, con la partecipazione di sindaci e altri rappresentanti di enti territoriali, ma non sono state invitate molte associazioni di categoria che potrebbero portare un grande contributo in termini di conoscenza sia teorica che pratica, con la grande esperienza accumulata. Ad esempio, per quest'occasione io non sono stato chiamato in causa. Poi, però, vengo richiesto in disparte per spiegare a chi già opera per il territorio come funzionano molti aspetti della mobilità: nei prossimi giorni sarò infatti, su richiesta, ad Acicastello, dove spiegherò alla giunta cos’è la mobilità. E poi a Catania, per fare altrettanto con la commissione che si occupa dello stesso tema.  In una situazione del genere, dove, mentre ci sono manifestazioni nazionali sul tema, le amministrazioni locali palesano la loro scarsa conoscenza pregressa in materia, cosa posso fare io come imprenditore e come presidente di una delle aziende più tecnologicamente avanzate del settore? In base al territorio devo capire come può funzionare lo sharing nell’area metropolitana. E la ricetta è questa: poiché i comuni non hanno le risorse economiche necessarie, coinvolgo il privato alla presenza del pubblico e propongo un sistema integrato di spostamento sul territorio. Il comune concede gli spazi gratuitamente, il privato che vuole scommettere su quest'opera viene da me formato (l’imprenditore deve capire bene come funziona il sistema) e in poco tempo si è in grado di far partire una rete. Ma alla base ci dev'essere un elevato livello di conoscenza, è imprescindibile. A Siracusa il Bike Sharing c’è ma non funziona, a Catania ci sono -o c'erano?- 250 biciclette distribuite presso gli istituti scolastici. Se il funzionamento non c'è è perché manca la conoscenza e, quindi, l'adeguata gestione e manutenzione. Ci vuole un sistema di controllo dall'alto che vigili sul territorio e sia sempre in grado di intervenire tempestivamente. Se ci saranno delle persone che baseranno il loro lavoro su questo sistema, allora l'ingranaggio funzionerà. Basta vedere il sistema del Bike Sharing del porto di Catania, che non è ancora partito nonostante gli impianti siano pronti da parecchi mesi, perché la gestione viene proposta all’Amt che non ha né le conoscenze né, soprattutto, l'interesse. Quello che io propongo e suggerisco, infatti, è di informare e formare professionalmente le risorse umane che dovranno gestire, come loro principale occupazione, questi sistemi, e lo faccio in prima persona come ConfCommercio con enorme successo, tant'è che presto ci allargheremo su scala regionale. Venendo al progetto, si tratta di un’azione di marketing territoriale. Aci Bonaccorsi, San Gregorio di Catania, Valverde e Viagrande sono i primi comuni ad essere interessati. Anzi, i loro sindaci sono proprio entusiasti: qui sorgeranno 7 ciclostazioni. Adesso si è aggiunto anche il comune di Acicastello, e quindi anche Aci Trezza, Cannizzaro e Ficarazzi. E già così le ciclostazioni aumentano di almeno altre 4 unità. Trattandosi di una zona a forte vocazione turistica, anche gli alberghi saranno coinvolti. Presso ogni ciclostazione si potranno prendere o parcheggiare le biciclette in dotazione della rete, ma anche i cittadini che posseggono già una loro bicicletta, elettrica o muscolare, avranno facoltà di usufruire del parcheggio e delle colonnine di ricarica per il loro mezzo. Si offre così un servizio aggiuntivo, che incentiva l'uso del mezzo ecofriendly a discapito delle automobili, che è lo scopo sociale ed ambientale di tutta l'iniziativa.  - Chi sosterrà i costi di realizzazione, manutenzione e gestione?  L’intervento è rivolto ai privati che se ne occuperanno interamente. I comuni non rischiano nulla. L’imprenditore privato può ottenere molto dalla gestione delle ciclostazioni. Il ritorno economico proviene dall’affitto delle bici. Inoltre le ciclostazioni saranno dotate di monitor gestiti dai privati, con possibilità di pubblicità vendute agli operatori economici. Consideriamo anche l'utenza costituita dai turisti, con la possibilità di organizzare anche itinerari e convenzioni con restauranti, etc. - Dunque, nel breve termine, i primi comuni interessati saranno Aci Bonaccorsi, Acicastello, San Gregorio di Catania, Valverde e Viagrande. Confrontarsi con più di un comune per un unico progetto integrato rappresenta un problema? Ritiene che un ente come la defunta Provincia o la futura Città Metropolitana, potenzialmente, sarebbe un interlocutore più adatto? L'operazione è molto semplice, non ci sono particolari problemi. Io indico ai comuni quali sono gli spazi interessati e i comuni li concedono gratuitamente. Basta questo. Presto anche altri comuni limitrofi, come Aci Sant'Antonio o San Giovanni la Punta, potrebbero essere coinvolti. - Non semplici biciclette, bensì biciclette elettriche. Come mai questa scelta?  Il sistema prevede biciclette elettriche, ma, come detto, non soltanto. Ecco perché ci vogliono manutentori e gestori: anche gli utenti che hanno già una bicicletta potranno usufruire delle ciclostazioni, potendosi rivolgere a tecnici competenti capaci, con piccoli adattamenti, di rendere compatibili biciclette di provenienza esterna ai sistemi di ricarica delle postazioni. Ma anche biciclette tradizionali, ovvero le “muscolari”. Chi abita al settimo piano di un palazzo potrà lasciare il proprio mezzo al sicuro nelle ciclostazioni, anziché dovere faticosamente portarselo su fino al proprio appartamento. Si potrà anche realizzare una  predisposizione per la ricarica delle auto elettriche. - Possiamo pensare, quindi, che il progetto ha buone probabilità di divenire realtà? E con quali tempi, in linea di massima? Dal momento in cui si individuano gli imprenditori interessati, i tempi sono brevi. Questo è il prossimo passo. Mentre i futuri gestori seguono il corso di formazione, intanto si installano gli impianti. Ora dobbiamo trovare gli imprenditori attraverso i canali opportuni. Ogni ciclostazione costa 25-30.000 euro se si attacca alla rete elettrica, i costi sono maggiori in caso di presenza di pannelli fotovoltaici o di strutture "stand alone" (autonome). Ma i tempi di ritorno sono brevi, circa due-tre anni.  - In alcune città italiane, dove sistemi analoghi sono già operativi, talvolta si sono verificati furti delle biciclette. Però a Salerno, ad esempio, una bicicletta che era stata rubata è stata ritrovata nel giro di appena due ore dalla polizia grazie a tecnologie antifurto. Anche nel vostro sistema sono previsti accorgimenti per scoraggiare episodi del genere?  Ogni struttura sarà attrezzata con sistemi di tracciabilità e controllo immediato collegato a società di livello nazionale in grado di intervenire immediatamente. Abbiamo già le convenzioni pronte da siglare con la polizia privata. Ogni bicicletta è assicurata, come d'altronde è obbligatorio, essendo conformi alle normative comunitarie. - La sua azienda lavora con le energie pulite. Per le stazioni di ricarica avete pensato di ricorrere a sistemi ecosostenibili come, ad esempio, pannelli fotovoltaici? È una possibilità. Ma se io oggi ho una pensilina di dimensioni 3 per 10 metri, ad esempio, posso ricavare circa 3kW che non soddisfanno interamente la richiesta di energia. Le batterie devono stare sempre su percentuali piuttosto alte di livello di carica. Ma non dimentichiamoci che già la bicicletta che sostituisce la macchina è un enorme vantaggio per l’ambiente e la salute. - Ritenete che l’assenza di piste ciclabili possa essere un ostacolo per il successo del servizio? O magari un ulteriore stimolo per realizzarne di nuove? Nessun ostacolo, anzi, puntiamo sul miglioramento delle condizioni esistenti. Nei primi cinque paesi interessati stiamo studiando come valorizzare le strutture di richiamo turistico presenti nel territorio, come il museo delle farfalle di Viagrande, ad esempio, dove già esiste una pista ciclabile. - È già possibile immaginare quali possano essere le condizioni e i costi del servizio per gli utenti? Saranno uguali per tutti i comuni interessati, immaginiamo. Sì, saranno uguali per tutti i comuni. Affittare le biciclette costerà 2 euro la prima ora e un euro per quelle successive. In alcune città il primo intervallo di tempo è gratis, ma ciò avviene laddove la gestione è pubblica. In questo caso è necessario garantire il ritorno economico agli investitori, naturalmente al giusto prezzo per l'utenza. - In un secondo momento, il progetto ambisce ad interessare anche la città più grande, Catania. Con quali modalità o tempi?  Dipende dal comune di Catania. Noi siamo già pronti con un grosso progetto, già inserito nel PAES, ma non ci sarebbe neanche bisogno dei finanziamenti pubblici perché ci sarebbero i privati. Catania è l'ente territoriale con cui è più difficile interloquire, ma per dimensioni ed importanza renderebbe tutto più semplice, essendo fortemente attrattiva. Grazie mille, Presidente, e buon lavoro!  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 mag 2015

VIDEO | Guilherme, il giro del mondo in bici per proteggere i mari: lo abbiamo incontrato a Catania

di Amedeo Paladino

Guilherme è un ragazzo brasiliano di 28 anni, nato nello Stato di Santa Catarina nel sud del Paese. Il suo amore per il mare, la natura e la bici lo ha portato a intraprendere un viaggio attraverso tutte le coste del Mondo; un viaggio cominciato in Italia a marzo e che oggi lo ha portato fino a Catania dopo 4600 chilometri in bici. Il suo progetto si chiama World Coast Journey for the preservation of the seas, un lungo viaggio per la salvaguardia dei mari; il Mediterraneo sarà solo la prima parte del suo percorso, infatti Guilherme attraverserà gli oceani e i mari di tutti i continenti. Noi lo abbiamo incontrato al suo arrivo a Catania, accompagnandolo attraverso le strade e i luoghi storici della nostra città, ovviamente gli abbiamo fatto assaggiare un'ottima granita. Guilherme ci ha raccontato dei chilometri percorsi, dei luoghi visti e delle prossime tappe: dopo aver scalato l'Etna, con il suo pesante carico nel portapacchi della bici, risalirà la nostra Penisola dalla costa adriatica, poi riscenderà dai Balcani verso la Grecia e la Turchia. In programma c'è il ritorno sulle coste francesi, spagnole e portoghesi del Mediterraneo, da dove spera di trovare una barca a vela che gli permetta di salire a bordo e attraversare l'Oceano Atlantico. Di Guillherme ricorderemo la gioia con il quale ci ha raccontato del suo viaggio e la curiosità dimostrata durante il nostro giro insieme a lui  in bicicletta tra le strade di Catania. https://www.youtube.com/watch?v=BnUpenTAqKs&feature=youtu.be Girare il mondo in bici è qualcosa che molti sognano, ma solo in pochi riescono a fare, per sentirci insieme a lui nel suo viaggio vi invitiamo a seguire i suoi aggiornamenti e aiutarlo con delle donazioni.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mag 2015

Piazza Federico di Svevia, il Comune accoglie la petizione. Un successo di partecipazione

di Mobilita Catania

La festa popolare del Castello Liberato promossa e organizzata da molte realtà civiche catanesi che si è svolta il 3 maggio in piazza Federico di Svevia è stato un successo di partecipazione del quartiere e della città. Per una domenica i cittadini si sono riappropriati di un pezzo della propria città, costantemente ostaggio delle auto. Dalla necessità di poter vivere liberamente tutti i giorni questo spazio pubblico alcune associazioni e comitati hanno promosso una petizione popolare per chiedere all'Amministrazione la creazione di una zona pedonale nell'area compresa tra il prospetto frontale del Castello Ursino e quello laterale della chiesa di San Sebastiano, nel quale si trova un prezioso portale risalente agli inizi del XVIII secolo e appartenente alla chiesa San Nicolò Minore. In queste settimane abbiamo invitato i cittadini a firmare e diffondere le petizioni riguardanti quest'area e quelle di piazza San Francesco d'Assisi e piazza Manganelli, luoghi d'interesse artistico e culturale da tutelare e liberare dal caos quotidiano di auto. La petizione in queste settimane attraverso la mobilitazione online e le firme raccolte durante la festa del Castello Liberato ha ottenuti molti consensi; anche la redazione di MeridioNews se ne è occupata. Ieri, raggiunte più di 500 firme, i componenti delle associazioni e comitati promotori dell'istanza di pedonalizzazione hanno protocollato la petizione presso il Palazzo degli Elefanti. Fin dal lancio della petizione l'Amministrazione si è resa subito disponibile a verificare insieme agli uffici competenti la fattibilità dell'intervento di pedonalizzazione e le eventuali criticità. Infatti alcuni giorni fa si è svolto un sopralluogo nell'area, in cui l'Assessore delegato alla Mobilità Rosario D'Agata, l'assessore ai Saperi e alla Bellezza Condivisa Orazio Licandro  insieme al vice comandante della Polizia Municipale Stefano Sorbino, agli attori competenti tra i quali l'Ufficio del Traffico Urbano, il Presidente della Circoscrizione Centro Storico Salvatore Romano e il consigliere della stessa Circoscrizione Davide Ruffino si sono confrontati con alcuni componenti delle associazioni promotrici dell'istanza di pedonalizzazione. Sono stati definiti i dettagli della pedonalizzazione; si attende la delibera ufficiale per la chiusura al transito e alla sosta, verrà installato l'arredo urbano composto da panchine, fioriere e rastrelliere per bici, verranno inoltre predisposti due stalli per disabili limitrofi all'area pedonale. Entro un mese cittadini e turisti potranno godere di questo spazio, noi continueremo a seguire l'iter che porterà alla pedonalizzazione. Un successo dei cittadini e delle associazioni che hanno a cuore la propria città. Per questo ringraziamo Stefano, Aurelio, Giusy, Mauro, Miriam, Sergio, Vittorio e tutti gli altri che hanno speso anche solo un minuto del proprio tempo per il bene di Catania. Grazie.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mag 2015

Catania Murata: l’ingiustizia della mobilità

di Amedeo Paladino

Quando percorriamo le strade di Catania non occorre essere sensibili al tema della mobilità per accorgersi delle difficoltà nel muoversi in città causate dalla carenze infrastrutturali e  dall'inciviltà di molti cittadini: marciapiedi stretti e sconnessi, invasi da scooter e auto, attraversamenti pedonali sbiaditi e costantemente occupati da auto in sosta, fermate dell'autobus anch'esse "comodo" parcheggio incivile, che costringono gli utenti a salire sul mezzo pubblico in mezzo alla carreggiata, imprudenza di moltissimi automobilisti che percorrono le strade cittadine ben oltre i limiti di velocità, ma l'elenco delle inciviltà potrebbe continuare; al comportamento dei cittadini si aggiungono le responsabilità di chi dovrebbe far rispettare le norme del Codice della Strada e di chi dovrebbe pensare, progettare e costruire strade a misura di persona. Se guardiamo tutti questi problemi con gli occhi di  chi ha un handicap fisico o una mobilità ridotta essi si trasformano in muri che impediscono ai disabili motori di vivere la città in autonomia e di utilizzare i mezzi pubblici; difficoltà sono spesso invalicabili anche per i caregivers e i volontari accompagnatori. Oggi raccogliamo l'intervento dell'Avvocato Carmen Mirabella dell'associazione Sclerosi Multipla S.M.@ll onlus che ci fa guardare a questi problemi con altri occhi, raccontandoci tutte le difficoltà, le battaglie e le iniziative per una mobilità più giusta, in una città in cui tutto sembra costruito a misura di auto e non di persona.   - Per una persona disabile o a mobilità ridotta è oggi possibile muoversi in autonomia a Catania? Catania non è una città per tutti. La persona con mobilità sacrificata viene fortemente inibita nel suo diritto (fondamentale ed indisponibile) di libertà e di libera determinazione. - Quali sono le difficoltà che si incontrano? Le difficoltà sono logistiche: gliene elenco solo alcune di particolare appariscenza. Le scivole (o conchiglie) di accesso sono state realizzate in modo scriteriato: infatti non vi è corrispondenza andata/ritorno per cui da un marciapiede inizialmente accessibile il disabile non può scendere, non esistendo molto spesso la rampa corrispondente: il disabile può scendere dal marciapiede, ma non può attraversare la strada perché questa è interrotta dal cordolo non accessibile dello spartitraffico (ad esempio in viale Africa all’altezza degli Uffici Postali); Non ci risulta che la metropolitana sia accessibile: ad oggi gli accessi a mezzo ascensore sono preclusi poiché realizzati in violazione della normativa in tema di mobilità compatibile (la direzione generale della FCE comunica che a breve è previsto l'adeguamento degli ascensori, ndr); I marciapiedi sono sconnessi o troppo alti o troppo stretti per il passaggio o l’accesso delle carrozzine disabili o dei deambulatori e spesso ristretti dalla segnaletica verticale.   Abbiamo affrontato con dovizia di particolari tale tema con l’attuale Amministrazione Comunale, consegnando al Sindaco Avv. Enzo Bianco il Dossier “S.istema M.obilità” realizzato dalla nostra Associazione e corredato da reportage fotografico da noi stessi curato: ma nessuna risposta concreta in termini di raggiungimento degli obiettivi è in atto pervenuta. Abbiamo reiteratamente richiesto al Sindaco un incontro con la nostra Associazione: non ci ha mai dato risposta né disponibilità. Riteniamo che le problematiche di compatibilità del territorio rientrino in una logica di manutenzione ordinaria: i relativi lavori sono facilmente appaltabili a norma di regolamento comunale. Poi ci sono le problematiche connesse alla educazione ambientale e civica che meritano un approfondimento a parte - Il trasporto pubblico è accessibile?  Sul tema del trasporto pubblico si apre altra nota dolente, abbiamo presentato una motivata duplice richiesta alla Pubblica Amministrazione: incentivare il numero di autobus dedicati (i cosiddétti “Pollicino”) e modificare il regolamento di accesso consentendolo a tutti i soggetti portatori di handicap, includendo anche coloro la cui mobilità non sia del tutto compromessa. Quando si parla di accessibilità compatibile si deve pensare non solo alle persone in sedia a rotelle ma anche a tutti coloro che in ragione del proprio handicap risentono di gravi difficoltà deambulatorie e di equilibrio.La persona affetta da Sclerosi Multipla, prima di arrendersi alla sedia a rotelle, presenta gravi e vistose problematiche deambulatorie a causa dello scoordinamento dei movimenti, spesso ondulatori e di fragile equilibrio nella postura eretta. Anche costoro meritano tutela e riconoscimento della dignità dei propri diritti e della propria persona. Tutti i mezzi pubblici dovrebbero essere attrezzati con una scivola pneumatica che si abbassi automaticamente in modo da agevolare l’ingresso della persona con mobilità in tutto o in parte compromessa. Non c’è neppure bisogno di una pluralità di impiegati comunali per rendere funzionale (e puntuale!) il servizio! I singoli cittadini come utenti della strada sono sensibili alle difficoltà di chi ha difficoltà motorie? C’è tanta cattiva educazione e mancanza di rispetto, purtroppo spalmata indifferentemente tra uomini, donne, giovani e meno giovani. Gli stalli gialli dedicati ai disabili sono sistematicamente occupati abusivamente da chi non fruisce del “privilegio” di un handicap sulla mobilità: ciò anche se lo stallo è” personale” (tali stalli portano un numero di protocollo ed il cittadino paga l’Ente pubblico per la relativa concessione!). Spesso quando segnaliamo l’improprietà dell’uso di tali stalli, le persone che hanno abusivamente parcheggiato ci insultano in modo pesante e provocatorio, talvolta abbiamo scongiurato che passassero alle “vie di fatto”aggredendoci fisicamente. Anche se allertiamo la Polizia Municipale, gli agenti non arrivano mai tempestivamente, né multano gli abusivi. È una sorta di mal costume tollerato parcheggiare “per un minuto, tanto sono qui, il tempo di un caffè: dove mi metto? Io qui ho la macelleria, la panetteria, la pizzeria di asporto: IO LAVORO!”. Noi come Associazione promuoviamo incontri didattici presso gli Istituti Scolastici Superiori: la nostra speranza sono i giovani, l’educazione alla sensibilità ed alla condivisione, alle opportunità pari, al rispetto, che spesso dai genitori non ricevono. Offriamo loro i nostri concerti gratuiti del Coro Jacqueline du Prè (fiore all’occhiello della nostra Associazione ed unico esempio in Italia di musico-canto terapia applicata alla Sclerosi Multipla) formato da persone con Sclerosi Multipla, da caregivers (familiari di riferimento) e da volontari, come esempio non solo di condivisione ma di impegno a viso aperto per la legalità. Le istanze riguardanti la mobilità sostenibile di cui alcuni movimenti e associazioni sono promotori sono condivise anche da voi? Siamo sempre felici di offrire il nostro contributo sia di energie che di esperienza personale ai Movimenti ed alle Associazioni per il raggiungimento di un obiettivo comune: quello di dare ai cittadini un duplice servizio in termini di compatibilità del territorio e di educazione alla legalità. Non sempre chi non è personalmente afflitto da una problematica deambulatoria riesce a guardare il territorio con la lente speciale adatta a rilevarne le criticità: noi prestiamo i nostri occhiali per guardare bene e vivere meglio. Tutti. - Quali sono gli interventi che renderebbero la mobilità a Catania più giusta e inclusiva? Le strade, i marciapiedi, la viabilità, la metropolitana, i mezzi pubblici possono essere adeguati agevolmente rendendo la città vivibile sia nel centro che nelle periferie (noi lottiamo da anni per il territorio di Librino insieme ad altre Associazioni e Movimenti). Il rispetto, la cultura dell’inclusione si insegnano e si devono pretendere con adeguate sanzioni. Esempio? multare coloro che non raccolgono gli escrementi dei propri animali costringendo a penose e acrobatiche“varianti di direzione”chi cerca di non imbrattare le ruote della propria sedia o del proprio deambulatore; intervenire, multare e rimuovere le auto illegalmente in sosta su stalli dedicati; svolgere e sostenere iniziative didattiche per l’educazione civica. Noi ci siamo… ma spesso siamo soli.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mag 2015

I catanesi chiedono che le piazze vengano liberate dalle auto: firma le petizioni

di Andrea Tartaglia

Battere il ferro finché è caldo. Gli eventi del "Lungomare Liberato" e del suo figlioletto, il "Castello Ursino Liberato", entrambi di straordinario, hanno fatto vivere a numerosissimi catanesi il piacere di riscoprire aree urbane di pregio senza l'inquinamento, i rumori e il pericolo dati dalla presenza dei veicoli. "Liberato" sta, infatti, per liberato dalla morsa delle auto e dei gas di scarico. Ma, nonostante queste felici iniziative, Catania è ancora ben lontana dagli standard europei in quanto ad aree pedonali. Il Lungomare Liberato, per esempio, è realtà solamente una domenica al mese (due a giugno, luglio e settembre), mentre nel resto della città le aree pedonali, di ridotte dimensioni, si contano sulle dita di una mano. L'unica vera area pedonale, infatti, è quella compresa tra piazza Duomo e piazza Università, nonostante il passaggio di qualche bus, con piazza Università più protetta grazie alla presenza di dissuasori. Poi vi è l'area del Teatro Massimo, che in realtà è una Zona a Traffico Limitato dove però è florido il fenomeno del passaggio nonché parcheggio selvaggio. L'area della Fiera, ovvero piazza Carlo Alberto e via limitrofe, sulla carta è un'altra ZTL: di fatto, però, no. E così via, passando per via Crociferi, via Porta di Ferro/Piazza Cutelli, Largo XVII Agosto (alla Civita), via Zolfatai (nei pressi del capolinea dei bus urbani). Tutte mini aree pedonali o ZTL continuamente violate. In questo panorama a dir poco desolante, ecco tre petizioni lanciate dai cittadini per incrementare le aree pedonali: la prima interessa piazza San Francesco d'Assisi, su cui insiste la bellissima Chiesa di San Francesco d'Assisi all'Immacolata, l'Arco del Convento Benedettino di via Crociferi (Patrimonio dell'Umanità Unesco) e la Casa Natale di Vincenzo Bellini; la seconda riguarda un'altra area di pregio, ovvero parte della piazza Federico di Svevia, compresa tra il Castello Ursino e la Chiesa di San Sebastiano; la terza piazza Manganelli, su cui si affacciano l'omonimo palazzo nobiliare, palazzo Carcaci, la chiesa di San Michele (ora pinacoteca) e l'ex Accademia di Belle Arti:         -  Petizione per la pedonalizzazione di piazza San Francesco d'Assisi       -  Petizione per la pedonalizzazione di parte di piazza Federico di Svevia        -  Petizione per la pedonalizzazione di piazza Manganelli   Vi invitiamo a firmare queste petizioni che, se dovessero sortire l'effetto per cui sono nate, avranno contribuito a migliorare la qualità della vita della nostra città. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che spazi consacrati alla mobilità esclusivamente pedonale e ciclabile non sono un "premio" per aree che dispongono della presenza di monumenti storici o di alto valore paesaggistico. Sono elementi che, in qualsiasi quartiere e in qualsiasi condizione di patrimonio architettonico/paesaggistico, contribuiscono a migliorare la qualità della vita urbana. Naturalmente, è certo, in una visione complessiva della città che sappia ben distribuire gli altri aspetti essenziali quali il sistema del trasporto pubblico, dei parcheggi e del traffico veicolare privato: quest'ultimo non può e non deve prevalere sugli altri.  

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
13 mag 2015

Questo sabato la “Notte dei Musei”, navetta gratuita per il centro

di Amedeo Paladino

L'Assessore all'Ecologia con delega alla Mobilità, Avv. Rosario D'Agata, sollecitato dai componenti di #Salvaiciclisti, Lungomare Liberato, Mobilita Catania e Mobilità sostenibile e civiltà a Catania, insieme con il consigliere della circoscrizione centro storico Davide Ruffino, ha predisposto in accordo con l'Azienda Metropolitana Trasporti (AMT) una navetta gratuita che collegherà il piazzale Serafino Famà (tra viale  Raffaello Sanzio e via Imperia) al centro storico, in occasione dell'iniziativa "Notte dei Musei" che si terrà sabato 16 maggio. L'obiettivo è evitare che la prevista affluenza dei cittadini verso il centro storico possa congestionare le strade limitrofe ai luoghi da visitare sabato sera, come avvenuto il 14 marzo scorso e testimoniato da un video, durante la precedente edizione. Le navette gratuite messe a disposizione dall'AMT saranno due e ricalcheranno il percorso della linea 2-5 (Sanzio-Borsellino). La prima corsa dal piazzale Famà sarà alle 21 e l'ultima all'1 e 30 del mattino con una frequenza di 20 minuti:  sarà possibile parcheggiare e usufruire della navetta gratuitamente per raggiungere il centro storico, oppure si potrà lasciare l'auto in piazza Giovanni Verga e utilizzare la stessa navetta che effettuerà la fermata anche in corrispondenza dell'area antistante il Tribunale. L'Assessore ha informato il  Comando della Polizia Municipale che probabilmente  presidierà  l'area di parcheggio del piazzale Famà. La proposta avanzata dai movimenti e comitati, prontamente accolta dall'Assessore, è tesa a incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici e sfavorire l'uso del mezzo privato per raggiungere il centro storico, area che nelle nostre speranze verrà progressivamente chiusa al traffico. Vi invitiamo a lasciare l'auto nelle aree predisposte  e usufruire di questo servizio, evitando di congestionare il centro storico alla ricerca di uno stallo per sostare, evitando stress e ingorghi. Quest'iniziativa costituisce la prova generale del servizio "Movidabus" che entro alcune settimane dovrebbe partire con le stesse modalità di questa navetta, insieme con la sosta a pagamento in alcune aree del centro storico. Il programma della "Notte dei Musei" sarà fitto di luoghi da visitare gratuitamente o a prezzo ridotto. Godiamoci la bella serata di sabato in maniera intelligente.

Leggi tutto    Commenti 0
Proposta
07 mag 2015

Fermata del bus protetta

di Andrea Tartaglia

Vista la segnalazione circa l'incivile parcheggio della auto in via Etnea, laddove esiste la fermata dei mezzi Amt, risulta evidente che il problema è da estendere a numerose altre fermate degli autobus disseminate per Catania. Nel caso di via Etnea l'unica soluzione possibile è quella di far rispettare il divieto di sosta, già vigente su tutta la strada, ma che comunque è sempre obbligatorio in corrispondenza delle fermate dei mezzi pubblici. Tuttavia ci sono numerosi altri casi in cui è possibile mettere in atto alcuni accorgimenti che possono, in qualche modo, sopperire alla carenza dei necessari controlli. Prendiamo, ad esempio, le fermate sud di piazza Trento e di Corso Italia (nel tratto compreso tra via Messina e piazza Europa): anche qui lo spazio delle fermate è spesso usato come parcheggio, con l'aggravante di essere addirittura disposto a spina di pesce nella maggior parte dei casi. Fenomeno che si verifica anche a tarda sera e soprattutto nei fine settimana, per la presenza di chioschi e bar (si sa, il catanese medio "deve" parcheggiare proprio davanti alla meta), quando comunque il traffico non è inferiore a quello delle ore diurne. Ebbene, in casi come questi basterebbe delimitare la corsia lungo la banchina con dei cordoli, realizzando una breve corsia protetta. L'ampiezza della carreggiata, in entrambi i casi, permette di lasciare ben due corsie al traffico privato nella stessa direzione più un'altra, già esistente, per i mezzi pubblici contromano. Così sarebbe fisicamente impedita, 24 ore su 24, la sosta selvaggia e i bus potrebbero effettuare serenamente la loro fermata. Di cordoli adatti il comune, potenzialmente, dispone già: sono parecchi i metri di cordolo usati impropriamente, infatti, a cui attingere: si tratta di quelli superflui in piazza Borsellino, nei pressi della rotonda di via Alcalà, che prolungano il cordolo in pietra lavica esistente; di quelli usati a mo' di spartitraffico di fronte al parcheggio scambiatore Due Obelischi (dove potrebbero essere sostituiti con fioriere o altro); dei cordoli disposti nel Tondo Gioeni, anche stavolta a prolungamento di quelli in pietra lavica (perché non farli proseguire allo stesso modo, allora, se necessario?). Quindi basterebbe che il comune di Catania spostasse cordoli di cui già dispone, e impropriamente utilizzati, per proteggere alcune fermate strategiche come quelle sopra descritte. Naturalmente di esempi analoghi se ne potrebbero fare numerosi altri. Bisogna ricordare che in via Passo Gravina esiste un lungo tratto di corsia preferenziale protetta da una doppia fila di cordoli, realizzata per il BRT1, e non più in uso da quando è cambiata la viabilità del nodo Gioeni. Anche in questo caso bisognerebbe ottimizzare questo "patrimonio" in cordoli o per lo stresso BRT1, se è definitivo il nuovo percorso lungo il lato ovest della carreggiata (e quindi basterebbe una sola fila di cordoli), o per proteggere corsie troppo spesso invase dal traffico privato: la corsia bus in direzione nord di viale Vittorio Veneto (tra via Gabriele D'Annunzio e piazza Michelangelo, praticamente un parcheggio abusivo per auto) e quella di via Monserrato (continuamente usata dagli automobilisti incivili per superare la fila di auto incolonnate, spesso bloccando l'accorrente bus) avrebbero assoluto bisogno di essere fisicamente protette. Infine, si ricorda come il dispositivo dello StreetControl, se mai sarà in dotazione alla polizia municipale di Catania, potrà forse rappresentare una svolta nel contrasto alla sosta selvaggia, ma solo se accompagnato da un controllo quotidiano e a tutte le ore su tutto il territorio cittadino.

Leggi tutto    Commenti 0