Articolo
12 feb 2016

INFO | Raccolta differenziata: da lunedì 15 terzo step

di Amedeo Paladino

Lunedì 15 febbraio 2016 partirà il terzo step della raccolta differenziata porta a porta messa in campo dal Comune di Catania ed il Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi). Catania Rinasce si espande ancora ed arriva fino all'asse viale Regina Margherita-viale XX Settembre-corso Italia. A nord il confine è sempre via Rosso di San Secondo, a est viale Vittorio Veneto e a ovest via Caronda. Sanzioni per chi non si attiene alle regole. Ecco tutte le strade interessate dal terzo step: corso delle Province, corso Italia fino a viale Vittorio Veneto, cortile Maurolico, largo Rosolino Pilo, piazza Trento lato Nord fino a via XX Settembre, piazza Giovanni Verga lato Nord fino all'asse viario viale XX Settembre-corso Italia, via Amore, via Aurelio Giuseppe Costanzo, via Bologna, via Cancellieri, Via Caronda da Via Monserrato a viale XX Settembre, via Carrata, via Dalmazia, via Nicola Fabrizi, via Fichera, via Firenzedalargo Rosolino Pilo a viale Vittorio Veneto, via Vincenzo Giuffrida da via Gabriele D'Annunzio a viale XX Settembre, via Grotte Bianche da largo Rosolino Pilo a viale XX Settembre, via Guzzardi, via Matteo Renato Imbriani, via Milano fino a viale Vittorio Veneto, via Monaca Santa, via Musumeci da viale XX Settembre a via Gabriele D'Annunzio, via Guglielmo Oberdan da via D'Annunzio a piazza Trento, via Vittorio Emanuele Orlando, via Papale, via Perugia, via Pisa, via Ramondetta, via Rindone, via Francesco Riso, via Ruggero Settimo, via Oliveto Scammacca, via Verona, viale Regina Margherita da Via Etnea a via Caronda, Viale XX Settembre. Il conferimento dei rifiuti urbani per le utenze familiari, fabbricati in genere, compresi i terranei non adibiti a negozi va effettuato esclusivamente e tassativamente dalle ore 20,00 alle ore 22,30 secondo il seguente calendario Si inaspriranno le sanzioni per coloro che non rispetteranno le regole di conferimento della spazzatura: i rifiuti non selezionati in maniera regolare non saranno rimossi dal luogo dove saranno collocati e gli operatori provvederanno ad inoltrare la segnalazione ai Vigili Urbani che interveranno ad elevare le contravvenzioni al singolo soggetto oppure all'amministratore del condominio: in base all'ordinanza del Sindaco i controlli saranno infatti adesso ancora più capillari. Anche in questo terzo step, i facilitatori hanno consegnato i kit e fornito tutte le spiegazioni richieste dai cittadini. Da sottolineare che gli assenti possono ritirare i kit dal lunedì al venerdì presso l'ufficio, in via Etnea 603, dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00. Per ogni ulteriore informazione gli interessati potranno rivolgersi al Comune di Catania tramite il numero verde 800 59 44 44, scrivere sulla pagina Facebook di "Catania Rinasce" o consultare la sezione apposita del Comune. L'intenzione dell’amministrazione cittadina sarà estendere la raccolta differenziata porta a porta a tutto il territorio comunale, attraverso una nuova gara d’appalto prevista entro il 2016.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 feb 2016

Rimozione cera: si cerca di anticipare i tempi per il ripristino

di Amedeo Paladino

Si dovrebbero concludere oggi i lavori di rimozione della cera, gli operai e i mezzi sono a lavoro in queste ore in via Caronda e tra la villa Bellini e piazza Stesicoro. La task force per ripristinare lo stato delle strade antecedente la festa di Sant'Agata si è subito messa in moto dopo il passaggio del fercolo nelle strade del percorso Agatino: dieci squadre di operatori, [Rimozione della cera: elenco delle strade chiuse e termine dei lavori] Già in queste ore la viabilità di piazza Cavour lato est e lato ovest è stata ripristina, si confida nel completamento delle operazioni per passare alla fase di collaudo: una commissione composta da tecnici, dalla Polizia Municipale e con i rappresentanti del Servizio Ecologia e delle aziende Ipi- Oikos, che hanno in gestione lo smaltimento dei rifiuti, effettuerà dei test di frenata da cui dipenderà la riaperture delle strade che potrebbe quindi avvenire in anticipo rispetto all'11 febbraio. Fino a nuova ordinanza lungo le strade permarrà il divieto di circolazione dei mezzi a due ruote e il limite di velocità di 20 km/h.  

Leggi tutto    Commenti 0
Segnalazione
05 feb 2016

Via Antonino Longo, la solita “sagra abusiva” in una strada aperta al transito

di Mobilita Catania

Nonostante il grande spiegamento di Forze dell'Ordine e di Polizia Municipale, lungo il percorso Agatino puntualmente ogni anno si assiste a sagre abusive improvvisate: bracieri accesi e tavolini in strada ad accompagnare la sera e la notte del giro interno della processione. L'area attorno piazza Cavour, compresa tra via Caronda e via Antonino Longo, già da stamattina è chiusa al transito dei veicoli, per permettere lo spargimento della segatura. Dal pomeriggio Forze dell'Ordine e Polizia Municipale vigilano sulla piazza, ma sotto i loro occhi decine di abusivi già a partire dal pomeriggio hanno allestito bracieri, frigoriferi, tavolini e sedie sui marciapiedi, fin sulla carreggiata, somministrando illegalmente alimenti tra i veicoli in transito. In piazza Cavour da segnalare l'uso di bombole per la preparazione di alimenti, nonostante un'ordinanza comunale lo vieti.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
03 feb 2016

FOTO | Dubbi sulla collocazione delle bancarelle dei torronai e dei dolciumi

di Mobilita Catania

Le concessione degli spazi ai torronai e ai venditori di dolciumi è una delle questioni più annose della festa di Sant'Agata: le bancarelle nonostante siano autorizzate occupano marciapiedi, strisce pedonali e fermate degli autobus | FOTO Tutto pronto in città per onorare Sant'Agata: luminarie accese, candelore in giro per le strade, persino metal dector all'ingresso della Cattedrale. Tra sacro e profano i cittadini sono in fermento in attesa di accogliere la patrona. Migliaia di catanesi affollerano il percorso Agatino, ordine e sicurezza sono quindi gli aspetti più delicati da garantire per lo svolgimento della festa. Una delle questioni più annose è stata quella delle concessioni degli spazi ai torronai e ai venditori di dolciumi. L'Amministrazione comunale ha ribadito il "no" all'installazione temporanea delle bancarelle in piazza Università, predisponendo insieme alla Protezione Civile dei luoghi alternativi nelle strade adiacenti e limitrofe; da quest'anno inoltre è fatto divieto l'utililizzo di bombole gpl per la preparazione degli alimenti. La vendita dei dolciumi tipici rappresenta una tradizione da preservare e indubbiamente un'opportunità  per i commercianti; tuttavia non possiamo esimerci dall'esprimere alcune perplessità riguardo le modalità con cui le postazioni mobili sono state installate. Sono regolarmente autorizzate le bancarelle posizionate agli angoli dei Quattro Canti- l'ordinanza prescrive ai commercianti delle due installate all'inizio della salita la rimozione prima del passaggio del Fercolo- inoltre sono regolari anche quelle antistanti la villa Bellini e sotto la statua di Garibaldi, come anche le postazioni in piazza Cavour. Ciononostante la collocazione è oggettivamente invasiva in tutti questi casi sopracitati, come dimostrano chiaramente le foto. Marciapiedi e strisce pedonali risultano totalmente occupati, nonostante il Codice della Strada prescriva: nei centri abitati  l'occupazione di marciapiedi da parte di chioschi, edicole od altre installazioni può essere consentita fino ad un massimo della metà della loro larghezza, purché in adiacenza ai fabbricati e sempre che rimanga libera una zona per la circolazione dei pedoni larga non meno di 2 metri. Le occupazioni non possono comunque ricadere all'interno dei triangoli di visibilità delle intersezioni. Art. 20. Occupazione della sede stradale. Chi si muove a piedi è quindi costretto a condividere la carreggiata con i veicoli; addirittura in piazza Cavour le postazioni sono state installate sulle fermate degli autobus, con il risultato che i dolciumi si impregneranno dei gas di scarico degli autobus. Capitolo a parte il decoro: l'ordinanza comunale non prescrive omogeneità di colori delle bancarelle, inoltre la collazione di una postazione sotto la statua di Garibaldi è quantomeno inopportuna. I problemi di ordine e decoro potrebbero essere arginati con un regolamento apposito che prescriva degli stand omogenei, inoltre la concessione degli spazi non dovrebbe nemmeno interferire con la mobilità pedonale. Ma per far ciò occorre tanta volontà.            

Leggi tutto    Commenti 0
Segnalazione
03 feb 2016

Rifiuti ed eternit abbandonati in strada vicino viale Libertà

di Mobilita Catania

Riceviamo e pubblichiamo questa foto che mostra lo smaltimento abusivo di rifiuti: tra la via Simeto e la via Raffineria, nei pressi di viale Libertà, un intero tratto di strada è adibito a discarica. Come segnalatoci dal lettore è frequente che rifiuti di ogni tipo si accumulino, questa volta però tra l'immondizia è stata abbandonata una vasca di eternit, materiale estremamente pericoloso se inalato. Occorre ricordare che il Comune di Catania offre ai catanesi un servizio gratuito di raccolta a domicilio dei rifiuti voluminosi  come gli elettrodomestici o i mobili: per usufruirne è necessario prenotare chiamando i numeri telefonici sotto citati. Lo smaltimento è di competenza del Comune solo nell'area indicata dalla planimetria sottostante; al di fuori di essa la competenza è di Ipi- Oikos. Per lo smaltimento dell'eternit è invece necessario affidarsi a ditte private apposite per poterlo rimuovere in sicurezza. Numeri telefonici da contattare     Servizio Ritiro Ingombranti 800.594.444, da Lunedì a Venerdì dalle ore 7,00 alle ore 13,00, ed il Giovedì anche dalle ore 14,00 alle ore 17,30 a questo numero possono essere segnalate anche la presenza in strada di carcasse di animali.     Pronto N.U.- Numero verde 800.594.444 , da Lunedì a Venerdì dalle ore 7,00 alle ore 18,30, ed il Sabato dalle ore 7,30 alle ore 12,30, e-mail: pronto.nu@comune.catania.it     Solo per coloro che risiedono al di fuori dell'Area di competenza del Comune, telefonare IPI-OIKOS, Numero verde 800.195.195  

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
29 gen 2016

Un nuovo parcheggio in centro storico: ne avevamo bisogno?

di Amedeo Paladino

L'Amministrazione comunale di Catania ha destinato con apposita delibera un’area, quella cosiddetta “del Pino”, nel centro di Catania, a parcheggio. Sarà gestito dalla SoStare SrL, società partecipata del Comune che si occupa già della gestione delle strisce blu. L’area, in comodato d’uso e in via sperimentale per almeno 2 anni, riguarda un appezzamento di terreno di 7.000 metri quadrati tra le vie Monsignor Ventimiglia, Teocrito e Maddem, ed è limitrofa alla Fiera di piazza Carlo Alberto e al Corso Sicilia Il parcheggio garantirà 200 posti, l’ingresso e l’uscita saranno controllate da sbarre automatiche; la conversione totale dell’area in parcheggio avverrà entro poche settimane. Le tariffe in questa prima fase saranno uguali a quelle del centro storico, comprese le notturne fino alle 3; in seguito come preannunciato dal presidente Sostare durante il sopralluogo di ieri con il Sindaco verrà predisposto un piano tariffario vantaggioso. 7000 mila metri quadri, 200 posti auto e tariffe vantaggiose: entro poche settimane interamente fruibile Già ieri in metà del parcheggio è stato reso fruibile in vista delle festività agatine; nelle prossime settimane l'area verrà asfaltata e verranno installate le sbarre automatiche per l'ingresso e l'uscita degli utenti, anche i muri perimetrali verranno rifatti. Attualmente l’offerta totale di sosta in città è di 60 mila stalli, di cui 8 mila circa gestiti da Sostare. Il sindaco Bianco a margine del sopralluogo ha espresso soddisfazione per l'implementazione del nuovo parcheggio, come riporta il quotidiano La Sicilia Si tratta di un progetto che a lavori ultimati valorizzerà il quartiere anche sotto il profilo urbanistico, sociale e della mobilità urbana e del commercio. [...] recuperare almeno 200 posti auto in una città che ha un gran bisogno di parcheggi, cui ne seguiranno molti altri, come il parcheggio sotteraneo che sarà realizzato a piazza della Repubblica, quando inizieranno i lavori di Corso Martiri della Libertà. Catania necessita di nuovi parcheggi per migliorare la qualità della vita dei catanesi: questo l'assunto che si evince dalle dichiarazioni del primo cittadino. Tuttavia coerentemente al Piano Generale del Traffico Urbano, strumento di pianificazione della mobilità, adottato dal Comune di Catania nel 2012 con votazione del Consiglio Comunale, i nuovi  parcheggi dovrebbero essere utilizzati in sostituzione degli spazi di sosta su strada: obiettivo primario dovrebbe essere infatti la riduzione dell’offerta di sosta al fine di migliorare la qualità ambientale della città, in particolare del centro storico. il nuovo parcheggio per valorizzare il quartiere? Ma la decisione dell'amministrazione comunale lascia qualche perplessità, visto che può facilmente connotarsi come un ennesimo incentivo all’utilizzo del mezzo privato a discapito di quello pubblico o di altre forme di mobilità alternativa (pedonale, ciclabile, etc.), contemplando anche l’impiego di parcheggi scambiatori più periferici. Alcune settimane fa abbiamo ospitato su Mobilita Catania uno studio inerente la perdita di valore delle aree della città destinate a parcheggio, vi consigliamo la lettura.

Leggi tutto    Commenti 4