Articolo
15 mag 2015

I catanesi chiedono che le piazze vengano liberate dalle auto: firma le petizioni

di Andrea Tartaglia

Battere il ferro finché è caldo. Gli eventi del "Lungomare Liberato" e del suo figlioletto, il "Castello Ursino Liberato", entrambi di straordinario, hanno fatto vivere a numerosissimi catanesi il piacere di riscoprire aree urbane di pregio senza l'inquinamento, i rumori e il pericolo dati dalla presenza dei veicoli. "Liberato" sta, infatti, per liberato dalla morsa delle auto e dei gas di scarico. Ma, nonostante queste felici iniziative, Catania è ancora ben lontana dagli standard europei in quanto ad aree pedonali. Il Lungomare Liberato, per esempio, è realtà solamente una domenica al mese (due a giugno, luglio e settembre), mentre nel resto della città le aree pedonali, di ridotte dimensioni, si contano sulle dita di una mano. L'unica vera area pedonale, infatti, è quella compresa tra piazza Duomo e piazza Università, nonostante il passaggio di qualche bus, con piazza Università più protetta grazie alla presenza di dissuasori. Poi vi è l'area del Teatro Massimo, che in realtà è una Zona a Traffico Limitato dove però è florido il fenomeno del passaggio nonché parcheggio selvaggio. L'area della Fiera, ovvero piazza Carlo Alberto e via limitrofe, sulla carta è un'altra ZTL: di fatto, però, no. E così via, passando per via Crociferi, via Porta di Ferro/Piazza Cutelli, Largo XVII Agosto (alla Civita), via Zolfatai (nei pressi del capolinea dei bus urbani). Tutte mini aree pedonali o ZTL continuamente violate. In questo panorama a dir poco desolante, ecco tre petizioni lanciate dai cittadini per incrementare le aree pedonali: la prima interessa piazza San Francesco d'Assisi, su cui insiste la bellissima Chiesa di San Francesco d'Assisi all'Immacolata, l'Arco del Convento Benedettino di via Crociferi (Patrimonio dell'Umanità Unesco) e la Casa Natale di Vincenzo Bellini; la seconda riguarda un'altra area di pregio, ovvero parte della piazza Federico di Svevia, compresa tra il Castello Ursino e la Chiesa di San Sebastiano; la terza piazza Manganelli, su cui si affacciano l'omonimo palazzo nobiliare, palazzo Carcaci, la chiesa di San Michele (ora pinacoteca) e l'ex Accademia di Belle Arti:         -  Petizione per la pedonalizzazione di piazza San Francesco d'Assisi       -  Petizione per la pedonalizzazione di parte di piazza Federico di Svevia        -  Petizione per la pedonalizzazione di piazza Manganelli   Vi invitiamo a firmare queste petizioni che, se dovessero sortire l'effetto per cui sono nate, avranno contribuito a migliorare la qualità della vita della nostra città. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che spazi consacrati alla mobilità esclusivamente pedonale e ciclabile non sono un "premio" per aree che dispongono della presenza di monumenti storici o di alto valore paesaggistico. Sono elementi che, in qualsiasi quartiere e in qualsiasi condizione di patrimonio architettonico/paesaggistico, contribuiscono a migliorare la qualità della vita urbana. Naturalmente, è certo, in una visione complessiva della città che sappia ben distribuire gli altri aspetti essenziali quali il sistema del trasporto pubblico, dei parcheggi e del traffico veicolare privato: quest'ultimo non può e non deve prevalere sugli altri.  

Leggi tutto    Commenti 2
Segnalazione
14 mag 2015

BRT “bloccato” in piazza Stesicoro. Servono soluzioni

di Mobilita Catania

Ecco una scena che si ripete tutti i giorni. Il BRT ovvero Bus Rapid Transit, resta incolonnato per diversi minuti ingolfato dal traffico automobilistico presente nella centralissima piazza Stesicoro. L' autobus che dovrebbe viaggiare sempre in corsia protetta o in ZTL impiega anche più di un minuto per compiere il giro di pochi metri della piazza creando problemi al servizio. Qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=TrKQVkhXlQk Una soluzione potrebbe essere quella creare una ZTL in quel perimetro in modo da velocizzare il BRT e rendere nuovamente la piazza sicura e vivibile mentre adesso gli incidenti sono frequenti. Grazie ad una ZTL finalmente si tornerebbe a respirare e vivere nel cuore della città a beneficio di chi usa tutti i giorni gli autobus e le bici Se volete fare anche voi la vostra proposta per risolvere il problema cliccate nel menù in alto su partecipa e poi su proponi una soluzione. Il contributo di tutti è molto importante.

Leggi tutto    Commenti 5    Proposte 0
Articolo
14 mag 2015

Bambini in bici verso il Lungomare: partecipa al BiciBus

di Mobilita Catania

In occasione dell'appuntamento mensile del Lungomare Liberato di domenica 17 maggio, #salvaiciclisti, Comitato Lungomare Liberato, Mobilità sostenibile e civiltà a Catania e noi di Mobilita Catania organizziamo un BiciBus per accompagnare i bambini fino al lungomare catanese. Ci raduneremo alle 10,15 presso il laghetto dei cigni vicino l'ingresso della villa Bellini, dal lato di via Etnea; alle 10,30 partiremo tutti uniti in gruppo insieme ai bambini, percorreremo la corsia preferenziale di via Umberto, transitabile dai ciclisti, gireremo verso via Francesco Crispi per arrivare in piazza Giovanni Verga e raggiungeremo piazza Europa da corso Italia. Il tragitto in bici sarà protetto dai genitori e da alcuni volontari che si occuperanno di tenere il gruppo compatto. L'obiettivo sarà raggiungere il lungomare senza intasare le vie limitrofe in auto e soprattutto far divertire i bambini, facendoli riappropriare delle strade della propria città ogni giorno preda delle auto. Seguite l'evento facebook e cliccate "parteciperò" Ci vediamo domenica: tutti in sella alla bici, cambiamo Catania a colpi di pedale!

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
12 mag 2015

Rapporto Legambiente: a Catania aumentano i ciclisti, ma per loro quasi nulla è stato fatto

di Alessio Marchetti

A Catania, secondo alcuni studi, nel 2013, il 5% degli spostamenti veniva effettuato in bici. I dati provengono della ricerca "l’A Bi Ci della ciclabilità" realizzata da Legambiente in collaborazione con Rete Mobilità Nuova. In quell'anno quindi, un catanese su 20 utilizzava la bici. Negli ultimi anni molti catanesi hanno adottato la bici come mezzo di trasporto quotidiano, nelle strade si vedono ciclisti a qualunque orario e le rastrelliere si popolano sempre di più. Qui trovate la classifica italiana (purtroppo mancano i dati di molte città), in cui nonostante si bassa la percentuale risultiamo come la città del sud Italia con più spostamenti in bici! Nel rapporto la nostra città è molto indietro in classifica (ultimi) per quanto concerne le zone 20 e 30 e nel servizio di bike sharing non essendo presenti nella nostra città...ma di quest'ultimo servizio ne dovevamo avere ben due, il bike to school e quello del porto che ancora non parte nonostante ci siano da molti mesi gli appositi stalli. Nell'indice riguardante le isole pedonali siamo 86esimi con soli 0,06 metri quadrati per abitante, 6 centimetri a testa! Siamo nelle ultime posizioni anche per lunghezza delle piste ciclabili, solo 2,9km contro i 45km di Lecce o i 196km di Reggio Emilia tanto per fare un paragone. Qui trovate il PDF con l'intero rapporto. La cosa triste è che nonostante i ciclisti siano aumentati, i dati riguardanti i percorsi ciclabili sono rimasti invariati non essendone stata costruita nessuna in questi due anni e solo ora si sta lavorando al progetto di pista ciclabile del lungomare, tra piazza Europa e piazza Mancini Battaglia che doveva essere già pronta da molti mesi. Speriamo che nei prossimi anni gli Amministratori decidano di voler risollevare Catania in queste classifiche per il bene di tutti i cittadini, mettendo la mobilità sostenibile e la ciclabilità tra le priorità d'intervento. Un tempo la non costruzione di zone 30-ZTL o piste ciclabili poteva essere lievemente giustificata per la debole domanda da parte dei cittadini ma adesso non è più così essendo Catania una delle città del sud con il più grande numero di ciclisti ma con il minor numero d'infrastrutture ciclabili in rapporto alla domanda, questo infatti si vede nel grande movimento cicloattivistico che si sta sviluppando in questi anni nella nostra città.

Leggi tutto    Commenti 0
Segnalazione
08 mag 2015

Catania vieta le bici! I divieti in via Di Sangiuliano e in Via Etnea

di Mobilita Catania

È incredibile che dopo oltre 3 mesi dalla festa di San'Agata si trovino ancora dei divieti per le bici e motorini (probabilmente per la cera) in alcune delle vie più importanti del centro storico come via Antonino Di Sangiuliano e via Etnea, zona tra l'altro dov'è presente una delle poche ZTL catanesi in cui è possibile pedalare con meno pericoli e smog. Segnaleremo immediatamente il problema all'assessore alla mobilità, l'indirizzo si trova nel sito del comune: Rosario D'Agata - Assessore Ecosistema Urbano, Mobilità, Trasparenza e Legalità, Valorizzazione LibrinoSede: Via Pulvirenti, 4 - Tel. 0957422708 - Fax 095311582;  Se saremo in tanti a contattarlo siamo certi che toglieranno immediatamente questi ridicoli divieti. Vi invitiamo a segnalare anche voi i problemi della città usando questo strumento. Potete fare la segnalazione cliccando in alto su "Partecipa" e poi su "Segnala un problema", noi ci occuperemo di darne visibilità e spiegare eventualmente chi contattare per provare a risolverlo. Qui l'ennesima foto del divieto ai piedi della salita… e tante auto in divieto di sosta sulla destra. Foto di ieri notte.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0

Ultimi commenti