01 set 2021

BRT1, entrano nella fase finale i lavori di riqualificazione della linea rapida di trasporto


In dirittura d’arrivo i lavori di ripristino e potenziamento della linea 1 del BRT (Bus Rapid Transit) di Amts Catania, che collega il parcheggio scambiatore “Due Obelischi” con il centro cittadino in circa venti minuti. Sono stati già eseguiti importanti lavori di modifica del tracciato, soprattutto nel tratto di via Passo Gravina alta, al fine di migliorare i tempi di percorrenza del mezzo pubblico di trasporto, molto apprezzato dai cittadini nelle prime fasi di avvio, avvenuto nell’ormai lontano aprile 2013. Quasi del tutto completato anche il rifacimento dei cordoli lungo il percorso, con la messa in opera di nuovi birilli segnalatori del tracciato protetto.

Tra qualche giorno, invece, inizierà l’installazione dei semafori “intelligenti” che daranno sempre la precedenza al mezzo pubblico rapido. L’opera, approvata nei mesi scorsi dalla giunta Pogliese, comporta una spesa di 1,5 milioni di euro nell’ambito del programma di finanziamento PON città Metropolitane 2014-2020, con la supervisione tecnica del responsabile unico del procedimento, ing. Antonio Condorelli. Il percorso del BRT1, dal parcheggio scambiatore al centro città, in dettaglio, è stato migliorato, in un tratto di via Passo Gravina da via Carrubella verso Nord, con l’inserimento di una nuova corsia protetta in posizione centrale della carreggiata, nonché con la riconfigurazione dei nodi di via Saverio Fiducia e di via Carrubella; venti alberi preesistenti sono stati rimossi e successivamente sostituiti da nuovi arbusti.
Con il progetto di riqualificazione si è anche recuperata la corsia protetta in via Passo Gravina, da via Zacco a via Petraro, in disuso da alcuni anni, recuperando almeno parzialmente la diminuzione dei tempi complessivi di percorrenza derivanti dalla demolizione del cavalcavia Gioeni.

Nel nodo di piazza Vincenzo Lanza, inoltre, è stata spostata la fermata in modo da fornire agli utenti maggiore sicurezza. Spostata anche la fermata di viale Alexander Fleming, in modo da renderla equidistante sia dall’ospedale San Luigi che dalla stazione della metropolitana “Milo”. Gli incroci saranno regolati mediante i semafori “smart”, di prossima installazione. Secondo le stime dei tecnici, i lavori di riqualificazione della linea 1 del sistema BRT (l’unica attualmente in esercizio), sono già al 70% della loro esecuzione, con la conclusione prevista entro il prossimo mese di ottobre. Intanto, in vista della riapertura dell’anno scolastico, il sindaco Salvo Pogliese ha disposto l’incremento della frequenza delle corse, in modo da servire al meglio l’utenza nelle ore di punta, in entrata e in uscita dal centro cittadino.

«Anche in una visione metropolitana del trasporto pubblico locale -ha commentato il sindaco Salvo Pogliese – la linea BRT1 è da considerarsi strategica, poiché il capolinea è collocato all’interno del grande parcheggio di scambio Due Obelischi posizionato ai margini nord dei confini comunali, molto vicino ad altri importanti comuni prossimi al capoluogo: Gravina di Catania, Sant’Agata li Battiati, San Giovanni la Punta, San Gregorio di Catania e Tremestieri Etneo. La linea BRT1 -ha aggiunto il primo cittadino- deve ritornare ai livelli iniziali del progetto sia in termini di frequenza delle corse, che di velocità di percorrenza del percorso di attraversamento della città, dopo anni di abbandono di uno dei progetti più apprezzati dai catanesi e che incentiva l’utilizzo del mezzo di trasporto pubblico e l’intermodalità di scambio con il mezzo privato». 


1amtamtsBRTbrt1busbus rapid transitcatanialinea


Lascia un Commento

Ultimi commenti