13 feb 2019

Sosta selvaggia e accesso indiscriminato a ZTL: Catania regno dell’impunità


Il Comune di Catania è in dissesto economico: in teoria ogni occasione dovrebbe essere buona per poter racimolare qualcosa da reinvestire in servizi e per sostenere il normale funzionamento della macchina amministrativa, ma da parte dell’Amministrazione Comunale del capoluogo etneo non sembrerebbe esserci alcun interesse al riguardo, a giudicare dalla totale impunità che chiunque, spostandosi in lungo e in largo per la città, può riscontrare nel notare le reiterate, sistematiche infrazioni che puntualmente rimangono non sanzionate, prime tra tutte la sosta selvaggia e l’accesso indiscriminato nelle zone a traffico limitato e persino nelle (poche, pochissime) aree pedonali. Attenzione: la necessità di “far cassa” è solo un’aggravante. Anche il Comune più florido deve far rispettare le regole e punire chi trasgredisce, semplicemente per dovere amministrativo e per educare il cittadino al rispetto e alla legalità, ruolo importantissimo per innescare un processo di crescita civile della città. E invece, niente.

Le immagini che seguono non hanno bisogno di commenti. Da Corso Italia (la “Catania bene”) a via Etnea (il “salotto” della città), da via Dusmet a via Crociferi (Patrimonio dell’Umanità), da piazza San Francesco d’Assisi a viale Vittorio Veneto, da via Teatro Massimo a piazza San Placido, c’è sempre lo stesso filo conduttore: sosta selvaggia, accessi illeciti e neanche l’ombra di vigili urbani. A proposito: che fine ha fatto lo Street Control, uno dei pochi strumenti davvero in grado di dare una grossa mano al corpo dei Vigili Urbani, anche alla luce della limitatezza dell’organico?

 

Questo slideshow richiede JavaScript.


aree pedonalicataniadivieto di accessodivieto di sostainfrazionisosta selvaggiavia crociferivia dusmetvia teatro massimovigili urbanizone traffico limitatoztl

Un commento per “Sosta selvaggia e accesso indiscriminato a ZTL: Catania regno dell’impunità

Lascia un Commento

Ultimi commenti