15 lug 2017

Via Sgroppillo, si cerca una soluzione ai tombini rumorosi


L’amministrazione comunale di San Gregorio e l’impresa Girasole, che ha realizzato la nuova via Sgroppillo, stanno cercando di trovare una soluzione ai numerosi tombini difettosi sparsi lungo la strada recentemente oggetto di lavori di allargamento che causano il fastidioso suono metallico tipo “KLING-KLONG”.


I tombini difettosi andrebbero sostituiti ma questo comporterebbe la chiusura della strada o l’istituzione di sensi alternati con forti ripercurssioni sul traffico.

La soluzione potrebbe arrivare da un innovativo sistema antirumore costituito da una pasta plastica a due componenti che viene applicata direttamente sul telaio dei tombini formando in pochi minuti una guarnizione antirumore che compensa la differenza di planarità tra il coperchio e il telaio eliminando il basculamento.

Nei prossimi giorni l’impresa Girasole sperimenterà il nuovo sistema sui tombini di via Sgroppillo, sperando che sia la soluzione definitiva a un problema che ha “tolto il sonno” a numerosi residenti

La pagina facebook del cantiere di via Sgroppillo ha, per l’occasione, pubblicato un video che fa capire il procedimento che verrà adottato per risolvere il problema.


cataniakling klongmobilita cataniatombinitombini rumorosivia sgroppillo

Un commento per “Via Sgroppillo, si cerca una soluzione ai tombini rumorosi
  • tonyfede 1
    15 lug 2017 alle 23:10

    Questi problemi sono legati alla realizzazione degli impianti sottotraccia che saranno evidenziati con le attività di manutenzione, il distacco dell’asfalto dal tombino affiorante etc. che si tramuteranno in disservizio dell’asse viario: traffico, blocco di mezzi di emergenza etc… Quanto sarebbe più semplice imporre la realizzazione sotto i marciapiedi, realizzati in lastre sollevabili, di un cavedio unico ispezionabile con tutti i sottoservizi. Il tema è la speranza del lavoro che si produce per le imprese che potranno ri-scavare, ri-pavimentare etc. con la buona pace della spending review e della sicurezza dei cittadini


Lascia un Commento

Ultimi commenti