30 giu 2016

Mai più piazze ridotte a parcheggi: a proposito della vicenda “Trattoria del Cavaliere”


La recente diatriba fra il Comune di Catania e i gestori della Trattoria del Cavaliere per il negato rinnovo all’attività ristorativa della concessione per il suolo pubblico ha nuovamente posto al centro del dibattito politico e dell’opinione pubblica una serie di questioni: le difficoltà del commercio, l’eterna incompiuta del regolamento dei dehors e le scelte di mobilità da parte del Comune.

Al di là della vicenda specifica e dei risvolti giudiziari a quanto pare già in corso da anni, vorrei soffermarmi sul comunicato stampa del Comune che giustifica l’azione revocatoria della concessione.

Il Comune ha deciso di fare ritornare alla originaria destinazione d’uso di parcheggio pubblico la piazzetta Ilaria Alpi (ex Gambino) alle spalle di piazza Stesicoro, evitando eccessi ed abusi che spesso si sono verificati nel tempo. L’area era diventata da anni di dominio dei posteggiatori abusivi che saranno così adeguatamente combattuti con la regolamentazione del parcheggio. Gli operatori di sostare stanno quindi provvedendo a realizzarvi alcuni stalli bianchi e per disabili”.

Che il Comune debba combattere la piaga dei posteggiatori abusivi è una richiesta che tutti i cittadini chiedono da tempo all’Amministrazione. Che però la regolamentazione della sosta passi attraverso la destinazione d’uso a parcheggio di una piazza in pieno centro storico a me sembra una nota stonata, a maggior ragione in un periodo in cui le scelte di mobilità sostenibile sono oggetto di vivaci discussioni politiche, giornalistiche e da bar.

“Le parole sono importanti”, diceva Nanni Moretti e senza volere scomodare i fratelli greci e la loro agorà, nell’immaginario di tutti noi la piazza è un’area concepita per vari usi, ma certamente non per il parcheggio a lungo termine di auto e mezzi a motore.

Potremmo forse organizzare una seduta spiritica e chiedere ai politici e architetti che nel ’700 concepirono il disegno urbanistico della città quale fosse la destinazione d’uso di Piazza Manganelli, Piazza Dante, Piazza San Placido, Piazza Duca di Genova, attualmente deturpate da tappeti di auto in sosta.

Allo stesso modo un’area di piccole dimensioni e modesto valore architettonico come la Piazzetta Alpi [l'area antistante la Trattoria del Cavaliere n.d.r] non merita di essere ridotta al rango di parcheggio.

Le buone prassi in tema di mobilità sostenibile non possono che partire dalla consapevolezza di un cambio radicale di mentalità anche in queste piccole banali questioni “sintattiche”. 

Riappropriarsi degli spazi urbani pubblici significa anche acquisire coscienza del senso delle parole: una piazza deve prima di tutto essere luogo di vita e di incontro per la comunità di residenti, lavoratori e turisti che la popolano.  


area di sostacataniamobilita cataniaparcheggiopiazza ilaria alpipiazza manganellitrattoria del cavaliere

Un commento per “Mai più piazze ridotte a parcheggi: a proposito della vicenda “Trattoria del Cavaliere”

Lascia un Commento

Ultimi commenti