19 nov 2015

Corso Martiri della Libertà, il progetto presentato a Milano: consulta i dettagli e le foto


Oggi presso la Triennale di Milano durante la dodicesima edizione di Urbanpromo, evento nazionale di riferimento per il marketing urbano e territoriale organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, verrà presentato il progetto di riqualificazione di Corso Martiri della Libertà, curato dallo studio dell’architetto Mario Cucinella.

L’ampio asse viario che collega la piazza dov’è sita la Stazione Centrale delle Ferrovie dello Stato al centro storico è caratterizzato dall’incuria e dal degrado dei lotti che lo compongono. Quest’area di Catania appariva densamente costruita sino alla metà del Novecento, facendo parte del grande quartiere di San Berillo: dallo sventramento operato negli anni ’50, che ha causato un contenzioso tra la Istica (Istituto Immobiliare di Catania) e il Comune di Catania che si conclude nel 1991, passando per il progetto (poi scartato) dell’architetto  Massimiliano Fuksas, il piano di risanamento ha caratterizzato l’ultimo mezzo secolo della storia di Catania.

Il progetto che sarà presentato oggi a Milano, alla presenza dell’assessore all’urbanistica di Catania Salvo Di Salvo,  è stato curato dallo studio Mario Cucinella Architecs prevede distinte destinazioni d’uso: resindenziale, culturale, commerciale, ricettivo-alberghiera, ampie aree verdi attrezzate e un percorso ciclo-pedonale.

Attualmente si attende il rilascio delle concessioni edilizie per l’inizio dei lavori delle opere di primaria urbanizzazione, che dovrebbe avvenire entro la fine del 2015, previa parere dell’Anac sull’affidamento dei lavori.

Potete consultare i dettagli e le foto del progetto cliccando sul link della scheda opera, di seguito riportato:

Catania, il progetto di Corso Martiri della Libertà


architetto fuksascataniacorso dei martiri della libertàisticaMario Cucinellamarketing urbano e territorialemobilita cataniaprogettosalvo di salvotriennale di milanourbanpromo


Lascia un Commento

Ultimi commenti